Visioni, confessioni, biografie

Scultura, fotografia, video e performance nella retrospettiva bergamasca dedicata a Cosimo Terlizzi. Spiritualità e intime biografie animano gli spazi della Traffic Gallery. Con un occhio sempre rivolto al panorama culturale della città. Fino al 3 marzo.

Cosimo Terlizzi - Montana Hotel - 2010

Una galleria che si situa tra la GAMeC e l’Accademia Carrara è normale che generi delle aspettative. Aspettative che la Traffic Gallery, anno dopo anno, sembra però non tradire. Ed è così anche per questa mostra di Cosimo Terlizzi (Bitonto, 1973) che, forte di una grande attenzione all’aspetto curatoriale, ci guida nell’universo personale dell’artista pugliese.

Tra un video e una fotografia in cui Pasolini e De Pisis sembrano essere di casa, Terlizzi dimostra di possedere una notevole capacità immaginifica, che spesso si traduce in immagini metaforiche di grande suggestione. Una spiritualità del tutto soggettiva unita a un’attenzione per i luoghi di provenienza caratterizzano il lavoro dell’artista. Da sottolineare anche l’impegno della Traffic, che per questa mostra abbandona in parte il ruolo di semplice galleria, organizzando la proiezione del film Folder dello stesso Terlizzi presso l’Auditorium di Piazza della Libertà.

Alessandro Marzocchi

Bergamo // fino al 3 marzo 2012
Cosimo Terlizzi – A retrospective show
TRAFFIC GALLERY
Via San Tomaso 92
035 0602882
[email protected]
www.trafficgallery.org


CONDIVIDI
Alessandro Marzocchi
Alessandro Marzocchi (Milano, 1986) è studente presso l’Università degli Studi di Parma, curatore e speaker radiofonico. Specializzato in arte contemporanea, da anni ha un conto aperto con La Mariée mise à nu par ses célibataires, même. Ha realizzato una serie di saggi sulla figura di Marcel Duchamp, su Jean-Michel Basquiat e sull’architettura giapponese. Ha curato la mostra “Black in White” (Parma 2007), e diverse esposizioni presso la Galleria Il Sipario di Parma, tra cui: “Mario Sironi” (2007), “Mino Maccari – Il difetto dell’intelligenza” (2008), “Corsi a vedere il colore del vento” (2010), “Titina Maselli – Annullare la facilità” (2010), “Omar Galliani 1981-2006...attraverso” (2010) e “Ut Pictura – Mario Schifano e Piero Pizzi Cannella” (2010). Dal 2011 collabora con Artribune.