Un passo avanti e uno indietro

Tre serie di lavori, di cui due prodotte in loco. Per due settimane, fino all’inaugurazione del 24 gennaio, Juliana Cerqueira-Leite ha trasformato la Galleria Lorcan O’Neill nel suo studio. Traguardi e limiti del corpo umano, che si fa corpus dell’arte. A Roma fino al 24 febbraio.


Juliana Cerqueira-Leite – Precede/Proceed
 - veduta della mostra presso la Galleria Lorcan O'Neill, Roma 2012

I tre cicli di lavori proposti da Juliana Cerqueira-Leite (Chicago, 1981) si incanalano in quella corrente dell’arte contemporanea che considera il lavoro finale – e commerciale – l’escrescenza di un processo performativo e autenticamente creativo. L’artista vive una personalissima esperienza sensibile, ascetica ed estetica, che avanza il seme dell’arte sui dispositivi predisposti a trattenerlo. Ebbene, dei tre media disposti in galleria, sono le tele a non saper condensare la linfa alchemica che trasforma la materia in arte. I lavori alle pareti non riescono a esprimere le pretese avanguardiste di Klein, la ritualità sciamanica e dionisiaca di Pollock e Nitsch, l’organicità informe di Shiraga, l’altezza estetica di Basilè o la funzione del dramma di Manfredini. Meglio puntare direttamente il corridoio di fondo che ospita la serie fotografica Precede/Proceed e poi, voltandosi, il centro dello spazio, dove la scultura in gesso, Pull Up, apre alla vera poesia della materia in apparente discioglimento.

Luca Labanca

Roma // fino al 24 febbraio 2012
Juliana Cerqueira-Leite – Precede/Proceed
LORCAN O’NEILL
Via degli Orti d’Alibert 1
06 68892980‪
[email protected]
www.lorcanoneill.com


CONDIVIDI
Luca Labanca
Luca Labanca si muove nel 2006 da Varese a Bologna per iniziare il percorso di studi del DAMS, curriculum Arte. Negli anni di residenza bolognese collabora stabilmente col bimestrale d’arte e cultura ART Journal, contemporaneamente idea e sviluppa progetti ed eventi di contaminazione culturale tra il Lago Maggiore e Lugano assieme allo scrittore e musicista Tibe. Nel 2010 ottiene la laurea con la tesi Fiat Lux sviluppata al fianco della docente in Semiotica dell’Arte, Prof.ssa Lucia Corrain. Nell’ottobre dello stesso anno si trasferisce a Roma per intraprendere il percorso magistrale in Studi storico artistici dell’Università la Sapienza, fin dai suoi esordi partecipa al progetto editoriale Artribune.