Lezioni di ecologia al MAXXI

Alla perpetua ricerca di impressionanti immagini, errando per le rotte non battute del territorio africano, Pieter Hugo giunge al MAXXI di Roma con il suo ultimo successo fotografico, “Permanent Error”. Ancora una volta a metà strada fra documentazione, impegno sociale e pura arte, il fotografo sudafricano mostra una inedita faccia del suo continente, per scioccare e per incantare. Fino al 29 aprile.

Pieter Hugo, Yaw Francis, c-print, cm 175 X175, Courtesy Galleria Extraspazio, Roma; Michael Stevenson Gallery, Cape Town; Yossi Milo, New York.

Mai come ora il tema dello smaltimento dei rifiuti sembra essere attuale. E mentre c’è chi ancora si interroga sui misteri del sistema di raccolta differenziata, nel bel mezzo del Ghana, nella discarica di Agbogbloshie, destinata allo smaltimento di rifiuti tecnologici inviati dal ricco Occidente, cumuli di monitor e schede madri pronti ad essere bruciati per ricavare metallo si trasformano in fresco materiale tossico.
È in questa baraccopoli che nasce la nuova impresa di Pieter Hugo (Città del Capo, 1976).
Affissi alle pareti del museo romano, moderni scenari apocalittici. Il colore del cielo si fonde con il grigio della terra arida grazie alla mediazione di torri di fumo che riempiono l’orizzonte. Una palette povera su cui emergono i toni accesi degli indumenti indossati da fieri neo-modelli. I loro nomi battezzano l’opera e la loro identità perduta è così ripristinata.

Pieter Hugo, Yakubu Al Hasan, c-print, cm 175 X175, Courtesy Galleria Extraspazio, Roma; Michael Stevenson Gallery, Cape Town; Yossi Milo, New York

La curatrice Francesca Fabiani, parlandoci del lavoro svolto, sottolinea come Pieter Hugo sia in fondo un ritrattista, un abile narratore di storie umane. Ogni soggetto è colto nella sua quotidianità. E per Hugo quotidianità è il contrario esatto di stereotipo.
Il fine di denuncia di Permanent Error è chiaro e lo stesso titolo lascia ben pochi dubbi in merito. Il fotografo ha sempre indirizzato la sua ricerca al di fuori delle arcinote problematiche dell’Africa sfruttata e malata, puntando l’obiettivo verso scenari meno popolari ma non meno scottanti.
L’onestà del suo sguardo va di pari passo con la destrezza artistica. Hugo assegna alle opere un valore estetico estraneo al più schietto fotogiornalismo. Gli scatti della attuale serie, parte della più ampia ed eterogenea esibizione Re-Cycle, hanno un che di romanticamente sublime. Deserti ravvivati dallo scintillio di un copertone in fiamme e da sculture di cavi elettrici arrotolati su se stessi, disposti in una composizione attentamente equilibrata.

Pieter Hugo, c-print, cm 98 X 98, Courtesy Galleria Extraspazio, Roma; Michael Stevenson Gallery, Cape Town; Yossi Milo, New York

Alla parola ‘spettacolarizzazione’, spesso utilizzata nel criticare Hugo quale manipolatore della realtà per i propri fini estetici, la Fabiani preferisce il termine ‘astrazione’.  La responsabile delle Collezioni di fotografia MAXXI Architettura definisce i personaggi di Permanent Errorsoggetti fuori dalla cronaca”, figure sospese in uno spazio atemporale, ma di fatto profondamente radicate nel proprio mondo. Un paradosso che rende in un attimo l’Africa tanto sconosciuta quanto vicina.

Stella Kasian

Roma // fino al 29 aprile 2012
Pieter Hugo – Permanent Error
a cura di Francesca Fabiani
MAXXI
Via Guido Reni 4a
06 39967350
[email protected]
www.fondazionemaxxi.it

CONDIVIDI
Stella Kasian
Stella Kasian, nata a Roma nel 1981, si laurea in Studi storico-artistici alla Università degli Studi di Roma “La Sapienza” con il massimo dei voti, scegliendo di specializzarsi in Storia dell’Arte Contemporanea. La passione per l’arte e il desiderio di comunicarla spingono, sin da subito, la giovane Stella a muovere i primi passi nell’ambito del giornalismo on line. Trasferitasi a Londra, ancora oggi sua dimora elettiva, approfondisce le proprie conoscenze con esperienze variegate che arricchiscono la cultura accademica di nuove contaminazioni internazionali: dal corso curatoriale presso la University of The Arts alle collaborazioni con il Barbican Centre e con il Camden Arts Centre, nella quali si avventura nell’attività promozionale, organizzativa e curatoriale di eventi. Intanto Stella prosegue con sempre più impegno la sua attività di redattrice free lance, collaborando proficuamente con varie testate italiane su web e su carta.