Attraverso la luce

Quando il colore diviene mezzo per indagare la casualità controllata del tempo e delle dinamiche luminose. In un’atmosfera vagamente retrò, i quattordici lavori di Irazabal respirano con chi guarda. A Pescara, da Rizziero, fino al 31 marzo.

Prudencio Irazabal - 19Q - 2008 - acrilico su tela

Prudencio Irazabal (Puentelarrà, 1954) si trasferisce negli anni ’80 dalla Spagna a New York, segnando l’incontro con la pittura astratta americana. Punto di riferimento, per Irazabal, è senz’altro Morris Louis, riletto probabilmente attraverso Friedel Dzubas. Ciò, a differenza di artisti come Devenport, gli permette di spingere la sua ricerca verso la trasparenza. È abolito l’uso del pennello e il colore, lasciato scorrere e asciugare sulla tela, crea dinamiche di distacco e di sfumato molto suggestive. Strato dopo strato, Irazabal tende a costruire dei passaggi che, sulla linea della scuola seguita, risultano freddi e volutamente non emotivi. La volontà dell’artista sembra, infatti, quella di generare percezioni e sensazioni di costruzioni luminose che non arrivano mai ad essere vere e proprie emozioni. Questo viene rafforzato dalla vernice traslucida finale, che permette a chi guarda di vedersi immerso nello spazio del colore/luce.

Gianmaria de Lisio

Pescara// fino al 31 marzo 2012
Prudencio Irazabal
RIZZIERO ARTE
Viale Regina Elena 65
085 4219731
[email protected]
www.rizzieroarte.com