Esporre il virtuale

Come si espone l’opera di un avatar di un mondo virtuale? La Galleria Fabio Paris di Brescia, fino al 14 gennaio, con la mostra “Come Together” presenta una performance dell’hacker Gazira Babeli, il moniker più famoso nel campo della Net Art. Tra corpi nudi e social network, un’occasione interessante per interrogarsi sulle interazioni tra arte e web, e sul limite tra reale e virtuale.

Gazira Babeli – Come together - veduta della mostra presso la Fabio Paris Art Gallery, Brescia 2011

Si sente tanto parlare di Web Art (o Net Art) quando poi, in realtà, il prodotto che questi movimenti creano in campo artistico risulta sempre scarsamente visibile. Pensateci bene: com’è possibile usufruire, interagire (il termine “vedere” in questo campo apppare quasi obsoleto) con un’opera d’arte creata sul web, e quindi pensata per un contesto estremamente preciso, e frutto di una serie di codici e linguaggi di programmazione? Quello che viene messo in discussione fin da subito, più che la fisicità dell’oggetto artistico, è l’ambiente stesso in cui percepire l’opera, il luogo fisico in cui, almeno fino ad ora, il pubblico entra in contatto con l’idea e il prodotto dell’artista.
Gazira Babeli rappresenta l’estremo di questo processo di dissoluzione dei luoghi deputati alla ricezione dell’opera d’arte, dal momento che sotto questo nome si cela nientemeno che un avatar di Second Life, il portale virtuale simbolo degli Anni Zero, che dal 2006 al 2010 è stata l’autrice di una serie di bizzarre performance interamente ambientate nella dimensione di questo mondo virtuale.

Gazira Babeli - Self Portraits Russian roulette

La mostra alla Galleria Fabio Paris di Brescia non è altro che un tentativo, tradizionalista in un certo senso, ma pur sempre degno di lode, in cui si immagina una possibile retrospettiva per una figura impalpabile, e difficilmente catalogabile, come Gazira Babeli.
Come together, questo il titolo della mostra, rimanda a una performance di Gazira datata 2007, nella quale gli avatar di Second Life erano invitati a salire su un piedistallo bianco, sul quale poi venivano “posseduti” da un software che li costringeva a coreografie improbabili e a una combinazione infinita di aspetti e cambiamenti fisici. La performance venne presentata, e non poteva essere diversamente, in quella che fu una delle prime gallerie d’arte in Second Life, la ExhibitA Gallery di Odyssey, durante la mostra Collateral Damage.

In galleria troviamo le tre forme che la Web Art di Gazira Babeli può assumere: un video a testimonianza della performance (datato 2007), un video della stessa performance rieditato nel 2010, una stampa in digitale del video stesso e, infine, il software vero e proprio con il quale gli spettatori potevano interagire durante l’inaugurazione.
Il vantaggio dell’esposizione? Non serve un account per entrare. Il limite? Non siamo in Second Life: possibilità inventive ridottissime e, soprattutto, niente avatar dietro cui nascondere il proprio volto e i propri pensieri.

Alessandro Marzocchi

Brescia // fino al 13 gennaio 2012
Gazira Babeli – Come together
a cura di Domenico Quaranta
Catalogo Link Editions
FABIO PARIS ART GALLERY
Via Alessandro Monti 13
030 3756139
[email protected]
www.fabioparisartgallery.com


CONDIVIDI
Alessandro Marzocchi
Alessandro Marzocchi (Milano, 1986) è studente presso l’Università degli Studi di Parma, curatore e speaker radiofonico. Specializzato in arte contemporanea, da anni ha un conto aperto con La Mariée mise à nu par ses célibataires, même. Ha realizzato una serie di saggi sulla figura di Marcel Duchamp, su Jean-Michel Basquiat e sull’architettura giapponese. Ha curato la mostra “Black in White” (Parma 2007), e diverse esposizioni presso la Galleria Il Sipario di Parma, tra cui: “Mario Sironi” (2007), “Mino Maccari – Il difetto dell’intelligenza” (2008), “Corsi a vedere il colore del vento” (2010), “Titina Maselli – Annullare la facilità” (2010), “Omar Galliani 1981-2006...attraverso” (2010) e “Ut Pictura – Mario Schifano e Piero Pizzi Cannella” (2010). Dal 2011 collabora con Artribune.
  • Pingback: Esporre il virtuale | Artribune | miscellanea | Scoop.it()

  • saverio

    tra le peggiori gallerie in italia.

  • hm

    sempre meglio questa della poveraccia che fa le performance su facebook http://www.artribune.com/2012/01/ok-computer-performance/#comment-24620 inseguendo il guinness dei primati del tempo passato su internet .

  • Antonio Inoki

    In effetti sta roba sembrava già vecchia quando era nuova

  • Lorem Ipsum è un testo segnaposto utilizzato nel settore della tipografia e della stampa. Lorem Ipsum è considerato il testo segnaposto standard sin dal sedicesimo secolo, quando un anonimo tipografo prese una cassetta di caratteri e li assemblò per preparare un testo campione. È sopravvissuto non solo a più di cinque secoli, ma anche al passaggio alla videoimpaginazione, pervenendoci sostanzialmente inalterato. Fu reso popolare, negli anni ’60, con la diffusione dei fogli di caratteri trasferibili “Letraset”, che contenevano passaggi del Lorem Ipsum, e più recentemente da software di impaginazione come Aldus PageMaker, che includeva versioni del Lorem Ipsum.

  • Pingback: Esporre il virtuale | Artribune | virtualworldsmagazine | Scoop.it()