Compagno maggiordomo, portami il caffè!

Circoloquadro presenta i “Disegni politici e fumetti” di Tino Vaglieri. A Milano, fino al 22 dicembre, le carte di uno dei protagonisti del Realismo esistenziale ne evidenziano il valore non solo come artista, ma anche come osservatore della contemporaneità.

Tino Vaglieri - Disegni politici e fumetti - veduta della mostra presso Circoloquadro, Milano 2011

La macrostoria e la microstoria trovano un punto d’incontro nelle carte di Tino Vaglieri (Trieste, 1929 – Milano, 2000). I fogli strappati dai bloc-notes raccontano come il disegno sia stato considerato dall’artista non esercizio o studio preparatorio, ma necessità personale, forma di impegno civile, culturale e sociale, cui si dedicava tutti i pomeriggi. Uno sguardo attento può individuare i protagonisti della vita politica italiana dagli anni ‘60 agli ‘80, ritratti a china senza ripensamenti, colti nelle debolezze quotidiane, dei riti privati e collettivi. È stato impietoso con Giangiacomo Feltrinelli, personaggio principale di una striscia in bianco e nero: nel fumetto, non destinato alla pubblicazione, Vaglieri irride con l’inchiostro la volontà del ricco editore di mostrarsi come un proletario, facendo diventare la critica personale una critica sociale.

Marta Cereda

Milano // fino al 22 dicembre
Tino Vaglieri – Disegni politici e fumetti
a cura di Arianna Beretta
CIRCOLOQUADRO
Via Thaon di Revel 21
02 6884442

[email protected]

www.circoloquadro.com


CONDIVIDI
Marta Cereda
Marta Cereda (Busto Arsizio, 1986) è critica d’arte e curatrice. Dopo aver approfondito la gestione reticolare internazionale di musei regionali tra Stati Uniti e Francia, ha collaborato con musei, case d’asta e associazioni culturali milanesi. Dal 2011 scrive per Artribune.