Campioni del mondo. A Istanbul

Novanta docufilm costruiscono un discorso criticamente complesso sugli ultimi anni della odierna Costantinopoli. Al SALT di Istanbul, fino al 31 dicembre, tra le videoproiezioni del megaprogetto “Istanbullasmak”, c’è anche “La finale dei Mondiali 2006 – Italia-Francia”.

La hall del SALT con la mostra Istanbullasmak

Letteralmente vuol dire “Diventare Istanbul”; concretamente il progetto Istanbullasmak mette in scena al SALT – attraverso sofisticate postazioni video aperte all’interazione col visitatore – una caleidoscopica sinfonia d’immagini in movimento su emergenze, eventi, scorci e molto altro ancora della metropoli del Corno d’Oro. Novanta docufilm, selezionati da Mustafa Ozen, raccontano gli infiniti volti della città che unisce Asia ed Europa, tracciandone una geografia culturale e urbanistica dai tratti vertiginosi. E tra i quasi cento film c’è posto anche per La finale dei Mondiali 2006 – Italia-Francia, ovviamente vista da Istanbul. Il progetto Istanbullasmak è inoltre concepito come piattaforma interattiva segnata da una fitta programmazione di workshop e proiezioni. A completare il tutto, negli spazi del secondo piano, Modern Essays 2 history di Hrair Sarkissian, percorso fotografico cronachistico/artistico tra archivi e uffici.

Caterina Misuraca

Istanbul // fino al 31 dicembre 2011
Istanbullasmak
a cura di Mustafa Ozen
SALT
Istiklal Caddesi 136
+90 212 3774200
[email protected]

www.saltonline.org

CONDIVIDI
Caterina Misuraca
Caterina Misuraca nata a Lamezia Terme nel 1976. Vive e lavora a Milano. Laurea all’Università di Bologna in Discipline delle Arti della Musica e dello Spettacolo. Giornalista di cronaca, politica, costume e società. Curatrice mostre d’arte sociale (tra queste: OggettInstabili - Moti Urbani StazionImpossibili). Contitolare Agenzia di Comunicazione Misuraca&Sammarro. Organizza eventi di critical fashion ed ecodesign (tra questi: Natura Donna Impresa Verso Expò 2015 - IOricicloTUricicli). Dal 2008 collaboratrice di Exibart, da marzo 2011 passa ad Artribune.