Art is Punk

Strappi, borchie, pelle, fetish e zip. Le catene si spezzano. “Punk, l’ultima rivoluzione” racconta l’anarchia e le contraddizioni di un fenomeno socio-culturale che ha distrutto e relativizzato i canoni del bello. Alla Ono di Bologna, fino al 4 dicembre.

Michael Puttland - Siouxie in her friend apartment - 1980

Una galleria che ha l’approccio di un museo, ma l’appeal e la funzione di uno store griffato, abbatte gli steccati e dispiega la storia del punk in quattro temi fondamentali: il 430 King’s Road (negozio londinese di Malcom McLaren e Vivienne Westwood), Margaret Thatcher, la regina Elisabetta II e il Giubileo d’Argento del 1977, fino ai Sex Pistols. Scatti intimisti di fotografi come John Tiberi, David Corio e Bob Gruen, ma non solo, dialogano con gli abiti realizzati dallo stilista Andrew Mackenzie e le straordinarie grafiche seriali di Jamie Reid.

Testi esplicativi fanno da viatico insieme all’immancabile accompagnamento musicale. Completano l’esposizione le curiose fotografie del concerto dei Clash a Bologna, tenuto il primo giugno del 1980. Il ritmo di un nuovo fermento culturale sta facendo vibrare la città turrita. L’epicentro è la ONO Arte Contemporanea.

Leonardo Iuffrida

Bologna // fino al 4 dicembre 2011
Punk, l’ultima rivoluzione
ONO Arte Contemporanea
Via Santa Margherita 10
051 262465
[email protected]
www.onoarte.com


CONDIVIDI
Leonardo Iuffrida
Leonardo Iuffrida ha conseguito con lode la laurea magistrale in Arti Visive presso l’Università di Bologna. Si interessa soprattutto degli intrecci tra arte e moda, in particolare attraverso il mezzo fotografico. Ha pubblicato i saggi Steven Klein. Lo sguardo provocante della fotografia di moda in Obiettivo Moda. Incursioni nella fotografia di moda contemporanea a cura di F. Muzzarelli (Bup 2010) e Neopop & Fashion. L’alba del nuovo millennio in Agatha Ruiz de la Prada loves Elio Fiorucci. Arte e moda dalla Pop al Neopop a cura di F. Fabbri e F. Muzzarelli (Silvana Editoriale 2011). Ha collaborato con Exibart, il bookazine internazionale Circus e il sito pittimmagine.com. Suoi scritti sono apparsi su Vogue Italia e L’Uomo Vogue in relazione ai contest promossi da Vogue.it. E’ direttore editoriale e autore dei testi di Nob - realnob.blogspot.com, blog di stile al maschile dedicato all’approfondimento degli immaginari di moda. E’ stato fashion editor per il video “Noble Note” realizzato per Z Zegna.
  • Daniela Fantini (dioydea dioy)

    beh, alloora…. potrei vivere di rendita: almeno metà, se non 3quarti della mia produzione pittorica et poetica, è da sempre stata un bel po’ PUNK…

    • Daniela Fantini (dioydea dioy)

      W Vicious in My Way…

  • hm

    mackenzie l’ho conosciuto 7-8 anni fa sul carro di una street parade a BO, e la musica non era punk ma progressive/tech house e hard techno .