La dolce vita di Bamako. Prequel

In mostra da Photology a Milano, i primi lavori di Malick Sibidé, il pluripremiato fotografo maliano. Ritratti in studio di giovani e donne negli anni dell’indipendenza dal colonialismo francese. Per vederli c’è tempo fino al 18 novembre.

Malick Sidibé - Untitled - 1970 - courtesy Jack Shainman Gallery, New York & Photology, Milano

Malick Sibidé (Soloboma, 1935; vive a Bamako) è universalmente riconosciuto (e apprezzato, tanto da essere stato il primo fotografo e il primo africano a meritare un Leone d’oro a Venezia) come il miglior testimone e interprete dello Zeigeist entusiasmante e seminale che, negli anni ‘60, vide il coincidere di decolonizzazione e diffusione planetaria della youth culture rock’n’roll. Scatti per le strade di Bamako, Mali: uomini in dashiki sellano motociclette come Marlon Brando, spuntano feste nelle quali s’improvvisano twist o ci si presenta in impeccabile tenuta mod. Il display milanese delle stampe di fine fifties, per soggetti, formati e anche per le superfici consumate, dà l’impressione di sfogliare un album famigliare. Come il primo tempo di una saga composta da gruppi di donne elegantissime in kaftan e da coppie di giovani ballerini.

 

Alessandro Ronchi

Milano // fino al 18 novembre 2011
Malick Sibidé – Vintage Prints
PHOTOLOGY
Via della Moscova 25
02 6595285
www.photology.com


CONDIVIDI
Alessandro Ronchi
Alessandro Ronchi (Monza, 1982) è critico d’arte e giornalista culturale. Si interessa specialmente di arte dalle origini alla contemporaneità, iconografia, cinema, letteratura, musica e pop culture. Ha diretto il mensile Leitmotiv e collabora con testate giornalistiche, website e gallerie. Tiene corsi di cinema e cultura visiva presso istituti scolastici. Fa parte dello staff redazionale di Artribune dalla fondazione nel 2011.