Generazioni e ri-generazioni

Passato e presente. Memoria e ibridazione. Questi i temi della personale di Annu Palakunnathu Matthew alla Galleria z2o di Roma. Installazioni e fotoanimazioni, in mostra fino al 20 ottobre.

Annu Palakunnathu Matthew - Re-Generation. Viji - 2010

Scavare nel passato per ritrovare il presente: è Re-Generation, personale di Annu Palakunnathu Matthew (Inghilterra, 1964; vive a Providence) allestita a Roma negli spazi della Galleria z2o di Sara Zanin. L’artista anglo-indiana gioca tutto sul sottile filo della memoria, fra installazioni, dittici e fotoanimazioni: culture e tradizioni diverse si mescolano agli sguardi intensi dei personaggi che, nel loro continuo mutare, comunicano il trascorrere del tempo e l’evoluzione di modi di essere, sensazioni e costumi. E l’artista stessa si fa emblema della contaminazione, avendo vissuto tra India, Inghilterra e Stati Uniti. In quest’ottica, le nuove tecnologie si sposano con i vestiti tradizionali indiani, le immagini dei Nativi americani e i contributi audio (i racconti delle persone ritratte), in un lavoro dal forte impatto estetico, ma anche socio-politico.

Marzia Apice

Roma // fino al 20 ottobre 2011
Annu Palakunnathu Matthew – Re-Generation
a cura di Maria Teresa Capacchione
www.z2ogalleria.it


CONDIVIDI
Marzia Apice
Marzia Apice, romana, si è laureata nel 2002 al Dams di Roma Tre con una tesi in Storia e Critica del Cinema. A partire dal 2003, anno di iscrizione all'ordine dei giornalisti del Lazio, ha lavorato come giornalista free lance presso numerose testate dedicate alla cultura, tra cui quelle degli editori Mondadori Electa e Baldini Castoldi Dalai, occupandosi sia sul web che sulla carta stampata di cinema, arte e teatro. Nel contempo, si è dedicata all'attività di editor per alcune case editrici, e ha curato l'ufficio stampa per diversi eventi culturali. A maggio 2009 ha pubblicato con l'editore Bibliopolis il saggio "Le visioni di Pasolini. Immagini di una profezia". Attualmente è caporedattore del quotidiano web www.4arts.it e collabora a progetti legati alla diffusione della cultura in contesti sociali disagiati. Inoltre, per conto della società Aram Edizioni srl, di cui è socia, organizza e promuove eventi legati alla cultura e allo spettacolo.