Sazi e pe(n)santi. È “cibo per le mente”

L’intensità delle atmosfere, la varietà delle prospettive, la visione inquietante ma eidetica del concetto di nutrimento. 25 artisti interpretano il concetto di cibo mentale. Alla Art & Arts Gallery di Galatina, fino a fine mese.

Patrizia Piarulli

L’atto del cibare concettualizzato attraverso l’arte performativa, la pittura, la scultura, le installazioni site specific. Il nutrimento della mente come ispirazione di percorsi artistici e linguaggi differenti. È la prospettiva tematica di Food for brain, collettiva che dalla Art & arts Gallery di Galatina si estende anche per le vie del centro storico del paese. 25 artisti emergenti, per la maggior parte salentini, interpretano – secondo stili personali e attraverso metafore a tratti inquietanti – il cibo dell’anima.
Colpiscono la peculiarità della performance realizzata da Massimiliano Manieri, in cui un uomo esteticamente imperfetto – che indossa un copricapo a forma di molletta gigante – simula l’atto del nutrimento con frutta argentata; l’immediatezza-mediata delle opere pittoriche di Francesco Cuna; la tautologia nell’installazione di Fabio Mazzola, che universalizza il cibo mentale rappresentandolo attraverso la sua scrivania, munita di libri, cd degli Hellacopters e oggetti appartenenti alla sua storia di nutrimento personale.

Cecilia Pavone

Galatina (LE) // fino al 31 agosto
Food for brain

a cura di Gigi Rigliaco e Katia Olivieri
[email protected]

CONDIVIDI
Cecilia Pavone
Giornalista professionista, Cecilia Pavone è nata a Taranto e ha conseguito la laurea in Filosofia con specializzazione in Storia delle Dottrine Politiche all'Università degli Studi di Bari. Nel suo percorso professionale giornalistico ha lavorato per il quotidiano "Nuovo Corriere Barisera" di Bari specializzandosi nel settore cultura e spettacoli. Tra le sue collaborazioni: "Il Settimanale" di Bari, "Il Resto del Carlino" di Bologna, "Exibart" dal 2007 fino al febbraio 2011, quando ha seguito Massimiliano Tonelli e Marco Enrico Giacomelli alla nuova testata d'arte "Artribune". Attualmente scrive anche su "Lobodilattice.com" e "Metalwave.com".