Porta il bimbo in galleria. Con Mario Vespasiani

Che ci fanno in una galleria i lavori di un artista e quelli di un gruppo di bambini, messi fianco a fianco? Lo spiega la mostra “Mondi Possibili”, dove, oltre alle opere di Mario Vespasiani, viene esposto l’esito di un laboratorio artistico-didattico. Dove “maestro” e “allievo” dialogano alla pari.

Mario Vespasiani - Mondi Possibili - veduta della mostra presso la Galleria Artsinergy, Roma 2011

È piuttosto inconsueta la scelta di Mario Vespasiani (Ripatransone, 1978) per la sua ultima esposizione alla Artsinergy di Roma: affiancare ai propri lavori i disegni di bambini di 8, 9, 10 anni. Ma proprio in questo percorso parallelo sta il senso dell’intera operazione, intitolata Mondi Possibili: dimostrare come la creazione, pur con un inevitabile scarto stilistico e di “consapevolezza”, possa trarre origine dalla stessa spinta.

La mostra presenta i nuovi paesaggi astratti di Vespasiani (realizzati su velluti e stoffe colorate) e le mappe immaginarie dei “bambini-cartografi” della scuola elementare di Montottone (Fermo), realizzati nel corso di un laboratorio con l’artista. Coraggio o irresponsabilità? Forse entrambe. Ma intanto la mostra offre uno sguardo incoraggiante sulle possibilità che possono scaturire dall’incontro fra un artista e un gruppo di bambini. In nome della libera creatività.

Saverio Verini

Roma // fino al 10 luglio 2011
Mario Vespasiani –
Mondi Possibili
a cura di Franco Salvatori
www.artsinergy.it

CONDIVIDI
Saverio Verini
Saverio Verini (1985) è laureato in storia dell’arte contemporanea presso l’Università “La Sapienza”. Nel 2010-2011 frequenta il Master of Art alla LUISS di Roma. Tra 2011 e 2012 è nello staff del MACRO - Museo d’Arte Contemporanea Roma. Dal 2013 è assistente curatore presso la Fondazione Ermanno Casoli. Dal 2011 cura la sezione di arti visive di Kilowatt Festival. È fondatore delle associazioni culturali Il Fondino e Sguardo Contemporaneo, con le quali, a partire dal 2005, ha ideato e organizzato numerose iniziative artistiche e culturali.