Cambi di luce

A Milano, alla Galleria Rusconi, il programma della stagione termina con una mostra dedicata all’arte e alla fotografia. 12 autori si confrontano con le aperture e le chiusure di diverse epifanie luminose. Una celebrazione visuale nel giorno del solstizio.

Alessandra Spranzi - dal ciclo Selvatico (colui che si salva): cavallo - 2008

In un percorso allestitivo che sintetizza (in parte) l’andatura espositiva della galleria, passato e futuro s’incontrano nel giorno del tempo: il solstizio d’estate. Anche la Galleria Rusconi, dunque, chiude la stagione con una collettiva, una mostra che riunisce sotto il titolo di In a favourable light 12 artisti-fotografi. Nomi noti assieme a nomi poco conosciuti; nomi già selezionati dalla galleria e nomi ancora da vagliare nel loro complesso. Antonio Biasiucci, Claude Collins-Stracensky, Mario Cresci, Luigi Ghirri, Franco Guerzoni, Francesco Patriarca, Francesco Pignatelli, Donatella Spaziani, Alessandra Spranzi, Davide Tranchina, Franz Schmidt e Silvio Wolf. Tra fotografia contemporanea e fotografia recente, la collettiva cerca di estendere il tema della luce alla categoria della visione, avvicinando totem scopici a quotidianità semplificate.

Ginevra Bria

Milano // fino al 7 settembre 2011
In a favourable light
www.nicolettarusconi.com

 

CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. E’ specializzata in arte contemporanea latinoamericana. In qualità di giornalista, in Italia, lavora come redattore di Artribune e Alfabeta2. Vive e lavora a Milano.