Tutti gli input di Richard Nonas

La poetica del dubbio permanente che si esprime attraverso il linguaggio asettico del Minimalismo e della Land Art. L’interruzione, il cambiamento, il doppio come pietre miliari della domanda esistenziale. Nelle sculture di Richard Nonas, in mostra alla bolognese P420 fino al 24 settembre.

Richard Nonas - No-Water-In - veduta della mostra presso la P420, Bologna 2011

L’antropologia del dubbio come fonte d’ispirazione. E fil rouge di un originale percorso artistico che, partendo dal rigore formale del Minimalismo e della Land Art, si protende verso gli orizzonti di un profondo lirismo. Pur rimanendo nell’alveo dell’arte concettuale.
È la poetica della domanda di Richard Nonas (New York, 1936), che ha presentato alla Galleria P420 la personale No-Water-In. Una mostra che raccoglie sculture e disegni dell’artista dagli anni ’70 al 2011, sulla strada di una ricerca caratterizzata dalla dialettica degli opposti, l’ambiguità del doppio e l’interruzione come focus tematici.

Richard Nonas - No-Water-In - 2011

Le sculture di Nonas sono solo apparentemente minimali. Sfociano, in realtà, nell’astrattismo. Nulla, nelle mostre dell’artista americano, è infatti lasciato al caso. Tutto curato personalmente e nei minimi dettagli da Richard Nonas. Dal posizionamento spaziale delle opere alla fotografia prospettica delle stesse, senza dubbio cinematografiche. “Strategie” artistiche dal sapore filosofico, che guidano lo spettatore in un’esperienza psichica di sommovimento coscienziale. La sobrietà delle sculture di Nonas – che utilizza solo tre materiali: legno, ferro e pietra – costituisce un linguaggio formale che però cela contenuti e significati profondi.
In alcuni frangenti, Nonas sembra accostarsi alla profondità di Proust. Il titolo della mostra è infatti tratto da un ricordo: una scritta su una bottiglia di mescal (quello forte, da buon hippie quale era). Un ricordo di un’esperienza vissuta dall’artista nel deserto, in giovane età.

Richard Nonas all'inaugurazione della mostra a Bologna

Lo scultore non parla delle sue opere e lascia al fruitore piena libertà d’interpretazione. “Io non vi spiegherò le mie opere”, scrive nel libro d’artista reperibile in galleria, “dalle mie mostre vorrei che tu ne esca con una domanda in più”. A questo proposito, i galleristi Fabrizio Padovani e Alessandro Pasotti chiariscono la funzione dell’artista, che ha il compito di introdurre ma non di spiegare. L’artista può solo generare degli input. O dei dubbi.
L’antropologia”, scrive ancora Nonas, “mi ha fatto il dono del dubbio turbolento. Ma la scultura ha costretto il dubbio a tornare a casa. La scultura – con la parola, con l’urlo, col pugnale – ha riportato il linguaggio del dubbio dentro il mondo. Ho trasformato il mio dubbio in scultura; ho reso fisico il dubbio stesso. Perché i miei sogni cambiano”.

Cecilia Pavone

Bologna // fino al 24 settembre 2011
Richard Nonas – No-Water-In
www.p420.it

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • Pingback: Tutti gli input di Richard Nonas : Artribune « Nicocara's Blog()

  • paolo minetti

    Caro Alessandro, ti ringrazio per la forte emozione che , scorrendo le immagini
    della mostra di Nonas, mi hai donato.Grazie.Sono passati quarantanni dal suo
    primo evento in Italia ma il suo pensiero e la sua creatività è rimasta coerente e
    allo stesso tempo ha progredito. questa creatività vale solo per i veri e grandi
    artisti.Nonas è li che si annovera.
    Un saluto a tutti voi e un abbraccio a Nonas.

    Paolo

  • ARTETIVU’LAB

    SELEZIONE SU TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE ARTISTI, PITTORI, SCULTORI, FOTOGRAFI
    Per partecipare alla selezione si prega di inviare curriculum artistico e soprattutto 5 foto del vostro ultimo ciclo artistico e un recapito telefonico per essere ricontattati in caso positivo a questo indirizzo e-mail: [email protected]

    Fabio R., Staff Laboratorio ARTETIVU’

    http://www.youtube.com/watch?v=k2CPFRh8ByQ