The west is the best. Ma anche l’east non scherza

C’è oriente e oriente: tutti insieme si condensano a Milano, per la collettivona estiva – si chiude a fine luglio – da Brand New Gallery. Vecchie volpi e giovani emergenti (emersi?) dall’area ex-sovietica fino alla Corea.

Gli omini sottovetro di Do Ho Suh

Non scherza no, almeno stando ai pallini rossi che abbiamo adocchiato indiscreti dietro le cartelline delle assistenti di galleria, impettite tra i “venduto al vernissage della collettiva curata da Jean Neal. Venticinque nomi che vanno dall’oltrecortina all’Estremo Oriente, accomunati dal rapporto elastico con un’origine mai dimenticata e una fatale attrazione professionale per l’artsystem occidentale. Ci si diverte con il tappeto di vetro sorretto da centinaia di figurini di plastica firmato Do-Ho Suh e con l’animazione sporcacciona proiettata nel cannocchiale ideato da Tala Madani. Ma non mancano prove anche recenti di nomi storici come Erik Bulatov o Victor Ciato. Per il goloso dopo-inaugurazione, appuntamento “chic che non impegna in fabbrica dismessa riadattata a spazio-eventi: muri scarni e carroponte imponente. Bel posto.

Francesco Sala

Milano // fino al 30 luglio 2011
East ex East
a cura di Jean Neal
www.brandnew-galley.com

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.