Tutti a casa

Pareti & pareri in una collettiva che fa il punto sul vivere e sull’abitare. L’indirizzo? Corsoveneziaotto, a Milano. Fino al 28 maggio, per le amorevoli cure di Gianni Romano.

Vittorio Corsini - Omaggio a Cechov - 2004 - courtesy Corsoveneziaotto, Milano

Casa dolce casa, cinguettava il detto. Menzogna smascherata dai coltelli con cui Vittorio Corsini omaggia i drammi familiari di Cechov. Una forbice è, del resto, il titolo di una collettiva gradevolmente scolastica, orchestrata con pezzi di repertorio (ma perché non metterne di più “freschi”?): La Malmaison. Sul fil di lama della pura traduzione corrono quelle opere che, più che sull’abitare, si soffermano sull’inquieto vivere tra le pareti domestiche: le fughe/esternazioni di Pasquale Di Donato, i sovvertimenti di Erwin Wurm, il rivestimento mimetico (ancora Corsini). D’altro canto, nella dimora di Giuseppina di Beauharnais, che nella Malmaison si ritirò dopo il divorzio da Napoleone, non avrebbero sfigurato i tappeti di Aldo Mondino o la sedia luccicante di Nicola Bolla. In mezzo, tra i volumi di Salvo e i silenzi di Andrea Chiesi, la discesa nel metaforico interrato di Ornela Vorpsi. Che poeticamente ci ricorda l’inquilino a cui qualche volta preferiremmo non aprire: noi.

Anita Pepe

Milano // fino al 28 maggio 2011
La Malmaison
a cura di Gianni Romano
www.corsoveneziaotto.com

CONDIVIDI
Anita Pepe
Insegnante e giornalista pubblicista, Anita Pepe è nata a Torre del Greco (Na). Ha pubblicato il suo primo articolo nel 1990. La laurea in Lettere presso l’Università di Napoli “Federico II” l’ha indirizzata verso una formazione prevalentemente storica; si è avvicinata al contemporaneo per motivi professionali, collaborando per oltre dieci anni con quotidiani, periodici e websites. Ha scritto testi critici per mostre e interventi in spazi privati e istituzionali. Blogger a tempo indeterminato, non riesce a sottrarsi alle tentazioni del nazionalpopolare, politica inclusa. Avrebbe tanto voluto scrivere una minibiografia più cool, e si scusa per non esserci riuscita.