Il tempo di adesso secondo Eliezer Sonnenschein

Installazioni, dipinti e fotografie accompagnano la prima personale italiana dell’israeliano Eliezer Sonnenschein. Una mostra sul tempo e le sue condizioni, sul ritorno e l’effetto dei simboli, sull’ascesa e la disciplina. Da Jerome Zodo a Milano, fino al 21 maggio.

Eliezer Sonnenschein - Woman waiting to be plant - 2011

Tall Mountains. Black Leaves è una mostra che Eliezer Sonnenschein (Haifa, 1967; vive a Rosh-Pina) stabilisce installando un percorso retrogrado. Una piattaforma composta da differenti piani temporali e agganciata a numerose icone invisibili. Il titolo suggerisce la tendenza visionaria di questo autore che, tra dipinti (Facebook Portraits) e fotografie (Only the Elephant wear underwear’s), utilizza Le Alte Montagne per legittimare la presenza di simboli trascendenti. Forme accennate che raccontano la mitologia dell’immaginario attraverso la rappresentazione di traguardi inconsci. Con Le Foglie Nere Sonnenschein introduce invece l’elemento naturale, reliquia luminosa del nostro vissuto, crivello e scenario della memoria storica (High Mountains. Black Leaves).

Ginevra Bria

Milano // fino al 21 maggio 2011
Eliezer Sonnenschein –
Tall Mountains. Black Leaves
www.jerome-zodo.com

CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. E’ specializzata in arte contemporanea latinoamericana. In qualità di giornalista, in Italia, lavora come redattore di Artribune e Alfabeta2. Vive e lavora a Milano.