Giovane artista io? No, davvero!

La mostra di Alice Olimpia Attanasio, presentata alla Paola Rescio Gallery di Milano fino all’11 giugno, indaga la relazione tra dogma cattolico e libertà individuale. Con una sanguinolenta installazione, “The Last Supper”.

Alice Olimpia Attanasio - The Last Supper

Ha 26 anni e non si riconosce nella definizione “giovane artista”, un’etichetta che le sta stretta. “In Italia – dice Alice Olimpia Attanasio – dopo i 40 anni sei ancora un giovane artista! Non è l’età, ma la qualità del lavoro che conta”. Versatile nella scelta dei linguaggi formali, l’artista colpisce per la critica nei confronti dei rituali contemporanei, religiosi e non. Oggi indaga il tema del “cannibalismo” nel rituale dell’Eucarestia e, se nei piccoli disegni a china una teiera, sedie e calici s’intrecciano con lunghe flebo rosse in uno spazio aereo, nelle tre grandi fotografie si compie un banchetto a base… di carne umana. Al centro della galleria un tavolino bianco, apparecchiato per un commensale, è sormontato da una lunga e aggrovigliata flebo (ancora) che riversa il suo liquido rosso in un calice rituale. Chi avrà il coraggio di sedere a questa macabra mensa?

Maria Chiara Cardini

Milano // fino all’11 giugno 2011
Alice Olimpia Attanasio – The Last Supper
a cura di Paolo Meneghetti
www.paolaresciogallery.com

CONDIVIDI
Maria Chiara Cardini
Maria Chiara Cardini consegue il Diploma di Laurea all'Accademia di Belle Arti di Brera, indirizzo Pittura, con una tesi sulla figura di Tina Modotti. In seguito si specializza in fotografia presso il cfp Bauer di Milano. Oltre che di arte e fotografia si interessa di scrittura narrativa. Lavora a Milano per la Galleria San Fedele come responsabile organizzativa.
  • ghi

    Considerano la qualità del lavoro , credo non guasterebbe un pò di modestia …

  • rinGHIo

    BRAVA BRAVA e ancora BRAVA!!!!
    artista da tenere d’occhio, affronta sempre temi interessanti….e soprattutto ha qualcosa da dire!

  • hm

    perchè allora non indagare direttamente l’omicidio rituale giudaico? (cfr abramo vs isacco) non è abbastanza politically correct? cmq hai ragione da vendere non sei giovane sei una vecchia che propone roba vecchia . anzi le vecchie sono più vispe e mi fanno più sangue . milfs are better .

  • J & M

    complimenti Alice, ci è piaciuta molto la mostra.
    soprattutto l’installazione!
    Il tuo lavoro è fresco e al contempo maturo!Ci piace ;)

    J & M

  • è solo una bambina, si farà….

    • robert

      bhè finchè continuamo a dire cosi cara Valeria resteremo un paese in cui i giovani dovranno aspettare i 60anni per poter lavorare ad alti livelli…….diciamo che magari la classe più “anziana” dovrebbe sforzarsi un pò di più a capire e metabolizzare i lavori dei giovani…..che sicuramente portano rinnovo e freschezza alla società……ma siamo un popolo in mano a dei dinosauri.

  • MAG

    Ho visto la mostra e devo dire che non è male. Tutte le opere esposte – disegni, installazione e grafica – sono molto pulite ed eleganti. Forse deve solo lavorare ancora un po’ sulla fotografia anche se mi sembra già di buon livello.

  • Non capisco

    Questo è un lavoro da liceo artisco. Non capisco perchè Artribune abbia deciso di recensire la mostra.

  • evidentemente sei stupido……

    Tutti critici provetti vedo!
    Brava Alice, a me il tuo lavoro piace.Ti seguo da quando hai iniziato.Ti rinnovi in ogni mostra….Si vede che hai talento da vendere.

    • Continuo a non capire

      Non ho offeso nessuno, il lavoro è chiaramente molto debole, ci sono ogni giorno centinaia di mostre in Italia e questa non era da recensire, punto.
      Se mi rispondi “evidentemente sei stupido” posso solo dedurre che non ti occupi di arte contemporanea.
      il fatto che tu segua l’artista da quando ha iniziato, che si rinnovi ad ogni mostra e che ti piaccia non significa assolutamente nulla!
      Fatti un giro per le gallerie di Berlino, Londra e New York per favore, dovresti educare l’occhio e comprendere il pensiero che sta alla base del lavoro, prima di parlare!

      “Oggi indaga il tema del “cannibalismo” e cosa ci propone una donna nuda su un tavolo, con lei dietro che tiene in mano un coltello ed una forchetta? ma queste cose non si vedono nemmeno nell’advertising di bassa lega!

      Ognuno ha il diritto di esprimersi, su questo non c’è dubbio, ma questa proposta è di livello molto basso!

      • wooww

        “dovresti educare l’occhio e comprendere il pensiero che sta alla base del lavoro, prima di parlare!”

        parole tue……tu hai giudicato il lavoro senza vederne il pensiero alla base.
        comunque puoi sempre andare a Berlino, Londra e New York se credi…..non ti ferma nessuno tranquillo.

        • Ora ho capito

          Credo proprio che tu sia la gallerista.
          Ora ho capito e mi taccio!

      • Amanda

        non è l’artista nella foto

  • A prescindere dall’eta’ (ininfluente) e dalla “novita’” o meno del lavoro (certo non nuovo ne’ magistrale) e, fermo restando che Artribune, alla fin fine puo’ pubblicare cio’ che piu’ crede… ma visto che in un’altra pagina ci si scandalizza per la “marchetta” del TG1 a NY per gli “arcani”… beh! forse anche questa notizia non e’ che proprio non ne potessimo piu’ dalla curiosita e non abbia un sapore un [po’ “marchettaro” !! Comunque qui, almeno, e’ Artribune che paga e non il contribuente (come per il TG1)

  • Letizia De Bellis

    Lavoro banale e assolutamente già visto e rivisto. Ma perchè Artribune non dovrebbe pubblicare ANCHE lavori banali, visti e rivisti?

  • Marco Impellizzeri

    D’accordissimo sul fatto che Artribune possa e debba pubblicare anche lavori pessimi come questi.
    Trovo solo non a livello di quello che il portale dovrebbe essere (o dovrebbe diventare) che accetti di pubblicare foto di opere o allestimenti che non ho il coraggio di chiamare nemmeno amatoriali. La professionalità anche nel presentare una mostra con foto all’altezza non và dimenticata.

  • gigi

    Ahahahah, ma che è????
    Ah ok, è la cuginetta viziata del direttore.
    Bravi continuate così!

  • bo

    mah … non ci trovo tutta la ricerca sul concetto che un’opera artistica dovrebbe secondo me obbligatoriamente prevedere

  • iansolo

    oscar wilde ha sempre ragione… ;-)

  • Amanda

    Le foto non rendono giustizia alla mostra. la tecnica non è la chiave dell’artista, di grande impatto in molte delle sue installazioni, che ho preferito in mostre precedenti.
    Vincitrice di premi prestigiosi, non è una “racccomandata” e cerca di sdoganare l’arte a favore degli under 40.
    Sicuramente potrà crescere ancora, ma molto interessante, ne sentiremo parlare.

  • bah

    concordo con chi non capisce… la qualità di questo lavoro è pessima… perché incoraggiate queste cose?

  • Paride Manfredi

    Ma scusate, se non vi piace perchè dovete perdere il tempo a commentare continuando a dire le stesse cose…..motivate le vostre frasi con argomentazioni sulla vostra tesi, altrimenti fate più bella figura a restare in silenzio e passare alla prossima notizia da criticare aspramente solo per invidia o per noia…..e comunque non direi proprio che la qualità di questo lavoro è pessima, anzi, ho visto lavori in gallerie ben più prestigiose di dubbio gusto….senza parlare e voler accendere un dibattito sugl’ artisti chiamati a presentare l’elité del nostro paese alla biennale di quest’anno…..mi fate ridere cari criticanti in erba.
    Andate a spargere la vostra invidia in altri LIDI.

  • Andrea

    Sono completamente d’accordo con te Paride.
    Inoltre la maggior parte delle persone che commenta negativamente lo fa giusto per il gusto di screditare qualsiasi artista, indistintamente dal lavoro…….anche perchè non si prendono neanche la briga di andare a vedere la mostra dal vivo…..quindi non capiscono la continuità e l’omogeneità delle opere nel contesto della mostra.
    rinnovo i miei complimenti al lavoro di Alice.Brava.