Altri due morsi alla mela avvelenata

A volte ritornano. In occasione della sua terza mostra a Milano da The Flat, Michael Bevilacqua presenta un inedito progetto realizzato in coppia con Dean Sameshima, In Passing. Che dal seminterrato si accompagna per oscure e disturbanti armonie alla nuova produzione dell’artista d’oltreoceano: Catastrophe Ballet.

Michael Bevilacqua & Dean Sameshima - Rock’n’roll Suicide - 2011 - courtesy Tha Flat_Massimo Carasi, Milano - ottimizzazione: BiTwoè

La musica e l’”atmosfericità” stradaiola rappresentano il comun sentire di questo sodalizio artistico: la personale di Michael Bevilacqua (Carmel, California, 1966; vive a New York) è un tributo alla band gothic Christian Death, Catastrophe Ballet è l’album con cui nel 1984 raggiunse lo zenith.

E del resto il progetto a quattro mani con Dean Sameshima (Torrance, California, 1971; vive a Berlino e Los Angeles) richiama fin dalla presentazione – Catastrophe Ballet featuring Dean Sameshima – un approccio diretto alla dimensione musicale con un apparato iconografico punk. Rinnovando, dopo le esperienze di Bevilacqua con The Poison Apple e Corrosion of Conformity, sempre negli spazi di The Flat, questo apporto meta-estetico all’arte visiva, dando a tutta la mostra un potente impatto visuale, che va al di là del semplice piacere retinico. Che pure è sempre importante.Emanuele Beluffi

Milano // fino al 28 maggio 2011
Michael Bevilacqua
www.carasi.it

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.