Al ghetto ebraico di Roma. Con Francesca Woodman

Alla libreria-galleria Il Museo del Louvre, la Woodman irrompe con quella spasmodica ricerca di se stessa attraverso il corpo. Le fotografie, e i carteggi, in mostra fino al 19 giugno.

Francesca Woodman - Photographs 1977-1981

Stupiscono sempre, gli scatti di Francesca Woodman (Denver, 1958 – New York, 1981). Il tormento e la bellezza dell’incomprensione si dispiegano sulle pareti, attraverso l’incalzante sequenza di fotografie che raccontano una vita rapida, fatta di silenzi ed enigmi irrisolti. I carteggi in esposizione svelano, inoltre, un netto contrasto fra l’inquieto e un’apparente gioia di vivere. Una Woodman, dunque, che si divide fra due identità insondabili e sorprendentemente diverse. Riprende vita nei suoi scatti, con quella mimesi continua con l’universo, il circostante. L’incessante riproposizione del suo corpo lascia quesiti aperti che questa mostra, piccola ma potente, ripropone con un’insolita combinazione, offrendo un corpo rappresentato a metà, lasciato sospeso fra l’essere e il sentire.

Alessandra Fina

Roma // fino al 19 giugno 2011
Francesca Woodman – Photographs 1977-1981
a cura di Giuseppe Casetti
www.ilmuseodellouvre.com

CONDIVIDI
Alessandra Fina
Vive a Roma. Ha conseguito la laurea magistrale in Curatore d’arte contemporanea presso l’Università La Sapienza. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati (Villa Torlonia, Caffè Letterario Roma ecc). Ha lavorato presso Palazzo delle Esposizioni come operatore didattico e addetta all’accoglienza. Ha partecipato alla redazione del testo Europa – America 1945 – 1985, una nuova mappa dell’arte a cura di Carla Subrizi e del catalogo della mostra Sguardi Multipli. Rassegna Nazionale di Arti Visive (Palazzo San Bernardino, Cosenza – Castello Estense, Ferrara). Ha collaborato con l’ufficio stampa Novella Mirri e Maria Bonmassar. Attualmente si occupa di comunicazione e public relation e collabora con importanti testate di settore: Artribune e Tafter.
  • maria

    Interessante mostra…………..