“Offon”. Quando la notte dell’immagine genera allarmi visivi

Si spegne e s’accende, il video di Helen Dowling. Così come nelle sue fotografie. L’immagine e il suo contrario, o forse ciò che sta prima e ciò che sta dopo. Alla radice disorientante del linguaggio. A Verona, da Artericambi, fino all’8 giugno.

Helen Dowling - Untitled John - 2011 - videoinstallazione (frame)

Una videoinstallazione (Untitled John) composta da due schermi, per una proiezione schizofrenica, dove le immagini di un vecchio non sono mai davvero dentro né fuori lo scorrere del video. Un universo di frontiere, identità fragili e confuse. Erranze del soggetto, ma anche del video. Il personaggio che appare come esistenza messa in gioco: decostruito, smembrato, deconcentrato. E la ripresa che trema, s’interrompe. Battito ravvicinato di vita e morte, di fotogrammi che veicolano immagini (On) e di fotogrammi vuoti (Off). Attivi entrambi, però, perché è nel momento dark che si generano le immagini. È l’inquietante linguaggio di Helen Dowling (Londra, 1982): penetrare l’anatomia di ciò che si può vedere e di ciò che insieme si eclissa alla vista. Cosa che fa anche con le foto: immagini nere, notturne, ma anche immagini di mancamenti, di vuoti punteggiati di “storie” potenziali.

Luigi Meneghelli

Verona // fino all’8 giugno 2011
Helen Dowling
– Offon
www.artericambi.org

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.