Robert Barry sul diretto Napoli-Roma

Torna nella capitale il grande dell’arte concettuale americana. Fiumi di parole dorate per ritrovare il senso di un’arte preziosa, che pur prescinde dall’oggetto. È Robert Barry da Giacomo Guidi, fino al 30 aprile.

Robert Barry - Golden Words - veduta della mostra presso la Galleria Giacomo Guidi, Roma 2011

Robert Barry (New York, 1936) è stato un pioniere dell’Arte Concettuale, avendo introdotto il linguaggio come materia d’indagine delle arti visive. Dopo oltre dieci anni dalla sua ultima mostra nella Capitale, il collega di Joseph Kosuth, Lawrence Weiner e Sol LeWitt offre e fa riscoprire il senso di quell’approccio. Golden Words catapulta infatti nel core del progetto: iscrizioni di colore oro invadono le pareti e creano un gioco tra il silenzio muto del bianco, l’horror vacui e la preziosità dei mosaici bizantini. Le parole si alternano a concetti ed espressioni, la “spazializzazione delle parole” e la “smaterializzazione della fisicità tradizionale dell’arte” sono rese con 200 vocaboli che danzano come un flusso senza inizio né fine. Fa idealmente da pendant a questa mostra la personale napoletana dell’artista. Dove le parole diventano d’argento, come i riflessi della luce sulla superficie increspata del mare in certe ore del giorno.

Federica Forti

La recensione della mostra napoletana

Roma // fino al 30 aprile 2011
Robert Barry – Golden Words

www.galleriagiacomoguidi.com