Noir Utopia

“The Furthest Point”. Così s’intitola il progetto concepito dal duo di fratelli francesi Quistrebert. Da CAR Projects artist in residence, a Bologna.

Florian & Michaël Quistrebert - Blue - 2011

Vedrete forme, solo forme ispirate alle grandi avanguardie artistiche, rivisitate attraverso materiali semplici, quasi svilenti, trasportate da uno stato di trascendenza verso un’inesorabile movimento di discesa. Questo è il Furthest Point della produzione del duo Florian & Michaël Quistrebert (Francia, 1982 e 1976; vivono a Parigi), questa è la direzione verso cui ogni opera trascina la successiva ispirandola, senza interruzioni, muovendosi tra le molteplici possibilità mediatiche del contemporaneo.

Nessuna velleità narrativa: è lo svilimento dell’utopia che interessa. Il suo trascinamento verso l’abisso, a volte verso un oscuro misticismo. E se The Bleach series inverte il processo di addizione tipico di qualsiasi creazione per divorare il colore di tele nere, le corde e le collane delle fotografie digitali diventano talismani in lineari composizioni costruttiviste.

Giulia Pezzoli

fino al 7 maggio 2011
Florian & Michaël Quistrebert – The Furthest Point
www.carprojects.it

CONDIVIDI
Giulia Pezzoli
Giulia Pezzoli (Bologna 1978) si occupa di arte contemporanea dal 2003. Ha lavorato per la Fondazione Querini Stampalia di Venezia, per la 50esima Biennale d'Arte di Venezia, per il Centro d'Arte Contemporanea di Villa Manin e per il MAMbo di Bologna per cui tutt'ora lavora. Scrive d'arte e di cinema da diversi anni.
  • cristiana

    Molto interessante!