Field recording per immagini

Un finlandese a Milano, alla galleria Effearte. Per mostrare a cosa portano due anni sperduti in mezzo alle isole scandinave.

Il video “musicato” dal vento. Con la complicità di Mikko Hynninen

Le sue fotografie suonano. Prima italiana per Santeri Tuori (Espoo, 1970; vive a Helsinki), che presenta il frutto di tre anni – gli si augura non consecutivi! – passati a inseguire le stagioni nelle Ahvenanmaa, 6.500 isole e scogli a mollo tra Finlandia e Svezia. Scatti veri e propri e still da video si sovrappongono: costruiscono, giocando appena con livelli e saturazioni, un’illusione di profondità e movimento. Esperienza da vivere i quasi sette minuti del video che sintetizza l’intero progetto: il paesaggio, narcotizzato, si muove quasi impercettibile, accompagnato dall’intervento sonoro di Mikko Hynninen. Che, abbandonata per un momento la sperimentazione sull’elettronica, si offre con successo al field recording.

fino al 9 aprile 2011
Santeri Tuori – Forest
a cura di Lorella Scacco

www.effeartegallery.com

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.