La tecnologia 3D per valorizzare il Polo Museale dell’Abruzzo

La tecnologia 3D per valorizzare, preservare e far conoscere il Polo museale dell’Abruzzo. Un‘idea ambiziosa che mira a diventare un progetto pilota per la regione ma anche per il resto dell’Italia. Ecco di cosa si tratta.

Alcune immagini del progetto

Il governo è stato fatto. Il Ministro dei Beni Culturali, Alberto Bonisoli, è stato nominato e ha già preso la sua prima decisione: il curatore del Padiglione Italia alla Biennale d’arte di Venezia 2019 sarà Milovan Farronato. Alla sua prima uscita pubblica a Pompei il Ministro ha dichiarato “fare profitto con la cultura non è il mio obiettivo, quello che vedo è che con la cultura si può creare del buon lavoro. Cerco delle competenze dei ragazzi, professionisti che sappiano fare un mestiere, che lo facciano sul territorio, e che deve essere strutturato nel modo giusto e quindi sto parlando di assunzioni a tempo indeterminato”. Parole importanti, che fanno ben sperare per il futuro del settore dei Beni Culturali e che il neo Ministro raccolga positivamente la notevole eredità lasciata da Dario Franceschini.

IL POLO MUSEALE DELL’ABRUZZO

In questo clima d’attesa, buone notizie provengono anche dall’ambito delle nuove tecnologie. Forse, ormai, – anche se molto in ritardo rispetto al resto del mondo – i tempi sono maturi per un processo di digitalizzazione strutturato che riguardi le istituzioni culturali. I dati di Google affermano infatti che quasi il 41% di chi naviga sul web in cerca di approfondimento culturale si reca poi nei siti visitati online per conoscerli dal vivo. Una notizia confortante che dovrebbe incentivare ad investire in questi progetti. Recentemente abbiamo parlato, su queste pagine, del primo “museo virtuale italiano” che ha inserito online quasi 600 modelli. Oggi una rivoluzione arriva dall’Abruzzo e coinvolge il Polo Museale. Abbiamo parlato con l’Architetto Danilo Prosperi, CEO and Founder di Archimetria Group che ha seguito il progetto: ecco cosa ci ha raccontato.

IL PROGETTO ONLINE

“Il progetto è nato nel 2017”, spiega Prosperi, “su iniziativa del Polo Museale dell’Abruzzo e del Direttore Dott.ssa Lucia Arbace con la supervisione del RUP, della Dott.ssa Giulia Tortoriello e affidato ad ARCHIMETRIA Group. L’idea era quella di valorizzare e diffondere su scala globale la conoscenza dei principali Musei dell’Abruzzo (MuNDA – Museo Nazionale D’Abruzzo, L’Aquila; Museo Archeologico Nazionale dell’Abruzzo “Villa Frigerj”, Chieti e Museo Casa Natale di Gabriele D’Annunzio) e degli straordinari capolavori d’arte e archeologia in essi esposti, attraverso l’uso delle tecnologie 3D visionabili anche con i visori 3D. Ricordiamo anche che la regione ha subito nel 2009 un grande terremoto che ha messo in pericolo tutto il suo patrimonio e questo è anche un modo per tutelarlo per le prossime generazioni”.

LE CARATTERISTICHE

“La particolarità”, conferma l’architetto, “è stata quella di pubblicare i risultati su piattaforme globali quali: il sito ufficiale ed istituzionale del Polo Museale dell’Abruzzo, su Google Maps & Street View con un virtual tour e infine su SketchFab” e conclude “possiamo affermare con orgoglio che il Polo Museale dell’Abruzzo è il primo tra i Poli Museali ad avere un account su quest’ultima piattaforma che può vantare un totale di 2 milioni di modelli 3D. I numeri di visualizzazioni totali sono stati quasi 15 mila in pochissimo tempo” e conclude, “questo vuole essere un progetto pilota che poi, si spera, possa coinvolgere altre strutture museali della regione ma anche nazionali. Abbiamo avuto ottimi riscontri come l’invito ricevuto dal Polo Museale della Puglia per raccontare il progetto all’interno dell’evento “Connessioni d’arte”, due giorni di lavori sul tema delle nuove tecnologie applicate ai Beni culturali presso la sala multimediale del Castello Svevo di Bari, il 15 e 16 Giugno.

– Valentina Poli

sito ufficiale del Polo Museale dell’Abruzzo
SketchFab
Google Maps & Street View

 

CONDIVIDI
Valentina Poli
Nata a Venezia, laureata in Conservazione e Gestione dei Beni e delle Attività Culturali presso l'Università Ca' Foscari di Venezia, ha frequentato il Master of Art presso la LUISS a Roma. Da sempre amante dell'arte ha maturato più esperienze nel settore della didattica progettando e gestendo laboratori, in quello della preparazione di piccoli e grandi eventi culturali, nel settore delle gallerie d'arte e in campo giornalistico con collaborazioni con riviste del settore. Oggi vive a Roma.