Nasce Artribune Arte Intorno, la mappa interattiva degli eventi d’arte

Non si scarica, non occupa spazio sul telefono o sul computer, eppure è sempre a portata di clic: in collaborazione con MINI, vi presentiamo la nuova web app targata Artribune, Arte Intorno. Per orientarvi – in ogni senso! – nell’offerta culturale di tutta Italia e non soltanto

Artribune Arte Intorno
Artribune Arte Intorno

Un browser e una connessione a internet: è tutto quello di cui avrete bisogno d’ora in poi per sapere cosa succede attorno a voi, per tutto quanto riguarda il settore dell’arte. Artribune annuncia in collaborazione con MINI – da sempre attenta all’arte e al design, con una grande predisposizione alla ricerca e all’innovazione, anticipando le ultime tendenze – la nascita di Artribune Arte Intorno.

LA STORIA

Dopo la app Arte Intorno, che era stata progettata esclusivamente per iOS e Android, Artribune ha scelto di ampliare l’accessibilità dello strumento di geolocalizzazione degli appuntamenti culturali, sfruttando le potenzialità delle cosiddette progressive web app: molto più di semplici pagine web, questo prodotto digitale “ibrido” sfrutta la tipica possibilità di internet di risultare raggiungibile indipendentemente da device e sistemi operativi – e senza occupare spazio sulla memoria, dal momento che non bisogna neppure scaricare un applicativo – ma, allo stesso tempo, è sviluppato con un occhio di riguardo nei confronti dell’utilizzo in mobilità.

Artribune Arte Intorno
Artribune Arte Intorno

LE FUNZIONALITÀ DI ARTE INTORNO

Concepita come strumento specializzato, agile e mobile first, all’interno del “sistema Artribune”, la web app Arte Intorno (map.artribune.com) declina una specifica funzione – quella di visualizzare gli eventi e le mostre d’arte presenti sul territorio – in modalità differenti. L’utilizzo è immediato: dal momento in cui la homepage si apre, l’utente può iniziare a navigare sulla mappa generale degli eventi utilizzando pochi, intuitivi comandi. Se i marker iniziali rendono immediatamente la panoramica delle “aree calde” dell’Italia per quantità di offerte culturali in corso, zoomando sulla mappa – che risponde sia al touch su mobile sia ai click del mouse, in versione desktop – potrà individuare singole città, quartieri e vie. Per chi ha già in mente una specifica area di ricerca, sono presenti inoltre i filtri, che selezionano gli appuntamenti sia in base a un orizzonte temporale (distinguendo tra eventi in corso, vernissage, eventi che iniziano e si concludono in giornata, finissage) sia geografico (digitando il nome di una città, di una via o proprio di un luogo all’interno del campo libero e poi scegliendo il raggio entro cui estendere la ricerca).

Artribune Arte Intorno
Artribune Arte Intorno

GRANDI MOSTRE E GRANDI CITTÀ

Direttamente dalla homepage della web app, anzi, le grandi città possono essere visualizzate come singole mappe autonome, con un formato differente per grafica e scala. Gli Speciali Città si distinguono ciascuna per una palette legata ai colori istituzionali del Comune, risultando particolarmente utili nel caso di fiere di settore, art week e grandi rassegne: durante miart e la successiva Design Week, per esempio, vi consigliamo di accedere direttamente alla mappa di Milano, dove una panoramica immediata di tutti gli eventi collaterali in programma nell’area urbana. A proposito di highlights, tra la mappa principale e le mappe delle singole città, lo slider degli Eventi in Evidenza fornisce un’interessante selezione – curata dai redattori di Artribune – delle grandi mostre e iniziative a livello nazionale.

OLTRE LA MAPPA: TUTTE LE INFORMAZIONI DI CUI AVETE BISOGNO

Di ogni location, nella mappa generale come in quelle speciali, cliccando sul singolo marker – identificato dalla classica icona del museo – l’utente vedrà apparire una finestra pop-up che fornisce le informazioni fondamentali (il nome della sede espositiva, il link alle indicazioni stradali, il titolo di ciascun evento in corso accompagnato dalla locandina) e la possibilità di accedere con un solo, ulteriore click alla scheda di approfondimento, sia dell’evento sia del luogo che lo ospita; potrà così scoprire orari di visita, gli autori e i curatori coinvolti, leggere il comunicato stampa della mostra o il programma dell’appuntamento a cui è interessato.

ARTE INTORNO, DIRETTAMENTE DALLA HOME DEL VOSTRO DEVICE

Se – come speriamo – dopo aver provato tutte le funzionalità di Arte Intorno vorrete “fare vostro” questo nuovo strumento, che Artribune mette gratuitamente a disposizione dei suoi lettori, non dovrete far altro che salvare la nuova web app sulla homepage del vostro device, tablet o smartphone che sia, per veder comparire l’inconfondibile capolettera della nostra piattaforma tra le icone delle vostre app preferite. Aprendo Arte Intorno con Safari da un dispositivo iOS (iPhone o iPad), vi basterà cliccare sull’icona Condividi del menu di navigazione del browser e selezionare l’opzione Aggiungi a Home. Analogo procedimento si può seguire su un device Android: in questo caso, utilizzando Chrome, dovrete soltanto individuare il comando Aggiungi schermata a Home, presente nel menu delle Impostazioni. In entrambi i sistemi operativi, telefoni e tablet chiederanno all’utente di assegnare un nome, da associare alla nuova icona sulla schermata del device. Icona che – proprio come una app tradizionale – potrete spostare e riposizionare a piacimento, per avere sempre a portata di click il nuovo strumento di consultazione degli eventi d’arte in Italia.

– Caterina Porcellini

map.artribune.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Caterina Porcellini
Caterina Porcellini è nata a Taranto, si è formata al DAMS di Bologna e professionalmente a Milano. Già durante l'università sviluppa un interesse per l'influenza esercitata dalla tecnologia su pensiero e società, attraverso le tesi di Marshall McLuhan, Walter J. Ong e Lev Manovich. Da allora si mantiene sempre aggiornata sui nuovi media, lavorando come web editor, social media manager e consulente SEO. Dal 2007 ha collaborato con testate specialistiche e non, Exibart e alcuni siti del Gruppo 24 ORE tra gli altri. Continua ad avere un occhio di riguardo per quelle forme d'espressione che hanno una relazione diretta con il pubblico: architettura e design, fotogiornalismo, performance e installazioni. Grazie alla recente collaborazione con Plain Ink Onlus, sta approfondendo l'utilizzo con finalità sociali dei mezzi di comunicazione popolari, come fumetti e storytelling.