Inaugura a Venezia il primo museo dedicato a Giacomo Casanova

A 220 anni dalla sua morte inaugura a Venezia il primo Casanova Museum & Experience, un museo nato per raccontare la figura pubblica e privata dello scrittore e poeta veneziano, famoso in tutto il mondo per le sue doti di seduttore…

Casanova Museum
Casanova Museum

Tra i vari personaggi che popolano la storia di Venezia, Giacomo Casanova (Venezia, 1725 – Duchov, 1798) è sicuramente il più famoso. Poeta, scrittore, avventuriero, è soprattutto famoso per la sua fama di seduttore e amante seriale. Un mito senza tempo che non conosce latitudini tanto che il tour per Venezia sulle tracce di Casanova è uno dei più amati dai turisti di tutto il mondo. Non esiste, però, a Venezia un museo vero e proprio dedicato alla sua figura, anche se è in corso di inaugurazione Palazzo Zaguri, dove il seduttore soggiornò per qualche tempo. Una pecca enorme sia in termini storici che di introiti economici a cui si sta per porre rimedio. A 220 dalla morte di Casanova, sarà inaugurato il 2 aprile il Casanova Museum & Experience che ricostruisce tutte le fasi della vita dell’intellettuale ma promette anche di far rivivere le atmosfere del Settecento veneziano.

Giacomo Casanova
Giacomo Casanova

IL MUSEO

Il museo sorgerà all’interno di Palazzo Pesaro Papafava, edificio in stile gotico, non distante da Canal Grande a Cannaregio. Il percorso espositivo proverà a raccontare la figura di Casanova nelle sue tante sfaccettature. Conosciuto più per la sua fama di amante avventuroso che per la sua ricca produzione letteraria, il museo ricostruirà la vita pubblica e privata dell’uomo attraverso una vasta documentazione storica. Un museo che punta tutto sull’interazione con il pubblico e sull’esperenzialità. L’allestimento, curato da ETT Solutions, su concept di Massimiliano Zane, sarà multimediale e pensato per riproporre le atmosfere del settecento veneziano. Il layout espositivo mescolerà quindi scenografie e ricostruzioni virtuali, alternando ambienti immersivi ed exhibit interattivi, momenti di visione collettiva e di fruizione individuale, così da assicurare al visitatore un’esperienza variegata, emozionante e coinvolgente.

GLI AMBIENTI

Il museo sarà diviso in sei ambienti, ognuno dei quali concepito come autoconclusivo: racconterà cioè un aspetto preciso della vita di Casanova o affronterà un argomento. Per evitare code e sovraffollamenti la visita sarà “guidata” secondo i tempi stabiliti dai supporti audiovisivi, forniti ad ogni visitatore, per una durata complessiva di 45 minuti. Al di là del percorso espositivo, il museo, che è stato voluto dalla è stato voluto dalla Giacomo Casanova Foundation, metterà a punto un calendario di eventi collaterali focalizzati sulle tradizioni del Settecento veneziano. L’obiettivo è far diventare Casanova Museum & Experience un appuntamento imperdibile nell’agenda dei turisti che arrivano a Venezia facendo leva sulla fama internazionale dell’intellettuale veneziano.

      Mariacristina Ferraioli

Casanova Museum & Experience
Palazzo Pesaro Papafava,
Calle De La Raccheta 3764 – Sestiere Di Cannaregio- Venezia
[email protected]

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Mariacristina Ferraioli
Mariacristina Ferraioli è giornalista, curatrice e critico d’arte. Dopo la laurea in Lettere Moderne con indirizzo Storia dell’Arte, si è trasferita a Parigi per seguire corsi di letteratura, filosofia e storia dell’arte presso la Sorbonne (Paris I e Paris 3). Ha conseguito il Master in Organizzazione e Comunicazione delle Arti Visive presso l’Accademia di Belle Arti di Brera. Ha vinto la Residenza per Curatori della Dena Foundation for Contemporary Art presso il Centre International d’Accueil et d’Echanges des Récollets di Parigi. Ha lavorato al Centre Pompidou collaborando alla realizzazione della mostra “Traces du Sacré” e ha pubblicato un testo critico sul catalogo della mostra. Ha coordinato l’ufficio Master dell’Accademia di Belle Arti di Brera e ha curato mostre sia in Italia che all’estero. Redattrice di Artribune, collabora stabilmente con Cosmopolitan Italia e Icon Design. Sta conseguendo un dottorato in Comunicazione e mercati: Economia, Marketing e Creatività presso l’Università Iulm di Milano ed è docente a contratto presso diverse istituzioni tra cui l’Accademia di Belle Arti di Brera.