Un quiz con Google Immagini

L’abitudine all’utilizzo quotidiano di uno strumento ci rende in una certa misura assuefatti nei suoi confronti, incapaci di vederlo con obiettività e distacco. Ad esempio, siamo certi che Google Images funzioni esattamente come crediamo?

Silvio Lorusso, Google Image Quiz
Silvio Lorusso, Google Image Quiz

Il lavoro di molti artisti contemporanei, a partire dall’inizio del secolo scorso, può essere interpretato come uno sforzo per riattivare la nostra percezione del quotidiano e riacquistare uno sguardo ingenuo e non codificato su di esso, tornando quindi a vederlo nella sua interezza, nella sua natura più completa.
Google Image Quiz è un progetto web-based di Silvio Lorusso, che rovescia il rapporto quotidiano con uno strumento ormai imprescindibile come Google. Invertendo il funzionamento del motore di ricerca, Lorusso fornisce un’immagine e chiede a noi di provare a indovinare la parola chiave alla quale questa corrisponde.
Il sito si basa su un vocabolario con più di 100mila termini in lingua inglese trovati online e il sistema non fa altro che identificare quale sia la prima immagine che Google associa a ognuno di questi termini. Ci si accorge presto che individuare la query non è poi così scontato, ma se questo vale anche nel caso più classico dei cruciverba, in cui da una definizione viene chiesto di individuare un termine preciso, entra qui in gioco un fattore ulteriore.

Silvio Lorusso, Google Image Quiz
Silvio Lorusso, Google Image Quiz

Se per i cruciverba la pertinenza tra definizione e termine è assicurata dall’ideatore del gioco, in questo caso non sempre le immagini sono pertinenti con la query. E proprio in questo aspetto risiede la componente più interessante del lavoro di Lorusso. Se riteniamo che non sempre le immagini proposte siano effettivamente adatte a rappresentare il termine a loro corrispondente, significa che il sistema di indicizzazione immagini di Google ha qualche falla.
Ed eccoci giunti alla rivitalizzazione dei sensi, o nello specifico alla rivalutazione della percezione che normalmente abbiamo di Google, di cui questo progetto mette in luce le debolezze. Siamo ancor convinti che sia quell’oracolo infallibile che credevamo?

Matteo Cremonesi

www.google-image-quiz.net

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #22

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

CONDIVIDI
Matteo Cremonesi
Matteo Cremonesi (Brescia, 1984) si occupa di arte e nuovi media, interessandosi in particolar modo delle implicazioni sociali e politiche che le nuove tecnologie producono nel mondo contemporaneo. E' docente di “Cibernetica e teorie dell'informazione” presso l'Accademia di Brera e collabora attivamente con il Link Center For the Arts of the Information Age in qualità di coordinatore del settore educativo. E' membro del collettivo artistico IOCOSE con il quale ha presentato i propri lavori in diverse sedi nazionali e internazionali. Nato nel 2006, il gruppo organizza azioni liminali volte a sovvertire le ideologie, le pratiche e i processi di identificazione e costruzione del significato, concependo le strade, Internet e il passaparola come terreni di battaglia.