Passeggiare da Montréal a Roma

La moda dei viaggi a piedi non accenna a scomparire. Ma se ci si volesse limitare a una passeggiata? C’è una app anche per questo, con itinerari tutti da scoprire. Poi c’è la Montréal museale e i monumenti di Roma in 3D. Tre app ad alto contenuto culturale selezionate da Simona Caraceni.

Appasseggio

APPASSEGGIO
Maria Teresa Natale ha colpito ancora nel segno. Appasseggio presenta una serie di itinerari da percorrere a piedi, ad oggi prevalentemente a Roma e nel Lazio, ma si sta arricchendo di contenuti relativi ad altre regioni. Al grido di “La cultura della passeggiata – la passeggiata della cultura”, la app fornisce per ogni itinerario: mappa, audioguide, contenuti aggiuntivi e fotografie di ogni punto di interesse che si trova lungo il percorso. È inoltre possibile scaricare i contenuti prima di partire, in modo da limitare il consumo di traffico dati ed evitare di trovarsi senza copertura di rete durante la passeggiata. “Street art nel quartiere Ostiense”, “Testaccio operaio, Testaccio borghese”, “Modena, saracinesche chiuse ad arte” sono solo alcune delle chicche di questa app, che speriamo continui ad arricchirsi di contenuti.
www.appasseggio.it
costo: gratis
piattaforme: iPhone, iPod Touch, iPad

Montreal Museums

MONTREAL MUSEUMS
Sono sempre più numerose le istituzioni culturali che progettano e realizzano applicazioni che hanno come obiettivo quello di orientare cittadini e turisti durante i loro percorsi cittadini. Sono guide aggiornate in tempo reale con tutte le mostre e le attività culturali in corso. È il caso, ad esempio, di Montréal, dove il Board of Montreal Museum Directors ha promosso il lancio di Montreal Museums. Una grafica pulita e accattivante, molti itinerari a piedi, mappe offline (il turista straniero potrebbe infatti essere “taglieggiato” dalle compagnie telefoniche in roaming), informazioni utili su tutti i diciassette musei della città. Una guida semplice e onesta, che soddisfa con agilità tutte le esigenze del visitatore culturalmente affamato.
www.museesmontreal.org
costo: gratis
piattaforme: iPhone, iPod Touch, iPad

Rome MVR

ROME MVR
Rome MVR è un’applicazione in Mixed Virtual Reality che permette di vedere il Colosseo, i Fori Imperiali e i Fori Palatini con un interessante confronto fra attualità architettonica e fedeli ricostruzioni in 3d di come quei luoghi si presentavano anticamente. Molto simile alla app iMibac Vojager, che presenta le ricostruzioni 3d dei Fori Imperiali (forse meno scientificamente fedeli), questa applicazione permette di essere fruita in loco, ma anche lontano da Roma, simulando di trovarsi al centro del Colosseo o vicino ai punti di interesse selezionati. La prima però ha un’impostazione più da videogame, seppur molto gradevole, mentre la seconda è più d’effetto. Rome MVR ha recentemente vinto il primo premio al Mobile App Awards dello SMAU nella categoria “Information, Media and Publishing”.
www.altair4.com
costo: gratis per il Colosseo; 1,59 euro per ognuno degli altri contenuti
piattaforme: iPhone, iPod Touch, iPad

Simona Caraceni

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #10 

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune  

CONDIVIDI
Simona Caraceni
Simona Caraceni, giornalista pubblicista, si occupa di nuove tecnologie e multimedialità dal 1994, fondando con Pier Luigi Capucci NetMagazine poi MagNet, la prima pubblicazione elettronica in Italia. Ha insegnato all'Università di Bolzano, Macerata, Firenze, lo IED e la NABA di Milano, il DAMS ed il Dipartimento di Informatica dell'Università di Bologna, ed in numerosi corsi di aggiornamento professionale. Come attività di ricerca fa parte del Planetarium Collegium, il network internazionale di studiosi, artisti e docenti che approfondiscono il rapporto fra arte e tecnologie. E' M. Phil. in Technology e Ph.D. Researcher in Aesthetics and Technology per il Planetary Collegium (University of Plymouth). Membro ICOM, fa parte dell'Executive Board di AVICOM ed è Coordinatore della Commissione Audio-Visivi e Nuove Tecnologie di ICOM Italia. Nell'ambito della ricerca applicata si occupa di "musei virtuali", augmented reality, didattica tramite le nuove tecnologie e interaction design.