Vademecum per l’artista di successo

Avete presente quei tutorial che in Rete vi spiegano come fare qualsiasi cosa? Ecco, c’è chi ha pensato di applicare il concetto anche al successo nell’artworld. Grazie a Jakko Pallasvuo, basta guardare alcuni video e il gioco è fatto. Quasi.

Jaakko Pallasvuo

In ambito informatico il termine ‘HowTo’ nasce per indicare i file di testo presenti nei pacchetti di installazione che spiegano le procedure da seguire per portare a buon fine l’operazione. Il termine ha avuto un grande successo e oggi in Rete si possono trovare HowTo di ogni genere: un tipo di contenuti che è l’emblema della condivisione del sapere, intesa come pratica che si prefigge di mettere a disposizione di chiunque ogni genere di conoscenza tramite un semplice set di istruzioni facilmente comprensibile da qualsiasi neofita. Online si può imparare di tutto: arredare la casa con materiali di riciclo, piegare una maglietta in cinque secondi, riparare la propria bicicletta.
Se invece il vostro obiettivo è arrivare al successo nell’artworld internazionale – un contesto nel quale avrete più che mai bisogno dei consigli giusti dalle persone giuste – potete provare a rivolgervi a Jakko Pallasvuo, artista alter ego di Rebecca La Marre. Nel 2011 Jakko ha iniziato un lavoro intitolato proprio How To e composto da una serie di video nei quali fornisce informazioni sugli aspetti chiave per la carriera di ogni artista.

Jaakko Pallasvuo

Dal sapore ironico e irriverente, i video accostano frasi taglienti a immagini di note opere contemporanee, rendendo ancora più esplicito ogni concetto. Alcuni temi caldi: “Se si proviene da un’area esotica o tumultuosa, fare riferimento alle condizioni politiche e culturali che ci si è lasciati alle spalle facendone il fulcro del proprio lavoro” (Location). Per chi invece non possiede eccelse qualità tecniche: “Puntate su grandi dimensioni e materiali” (Craft).
E la Net Art? “…non è un’alternativa: i new media sono finanziariamente e concettualmente legati al vecchio, dovrai essere in grado di parlare di .gif come faresti con la scultura e poi, per trarne profitto, dovrai diventare uno scultore” (Internet). Ineccepibile.

Matteo Cremonesi

www.jaakkopallasvuo.com

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #9

 

CONDIVIDI
Matteo Cremonesi
Matteo Cremonesi (Brescia, 1984) si occupa di arte e nuovi media, interessandosi in particolar modo delle implicazioni sociali e politiche che le nuove tecnologie producono nel mondo contemporaneo. E' docente di “Cibernetica e teorie dell'informazione” presso l'Accademia di Brera e collabora attivamente con il Link Center For the Arts of the Information Age in qualità di coordinatore del settore educativo. E' membro del collettivo artistico IOCOSE con il quale ha presentato i propri lavori in diverse sedi nazionali e internazionali. Nato nel 2006, il gruppo organizza azioni liminali volte a sovvertire le ideologie, le pratiche e i processi di identificazione e costruzione del significato, concependo le strade, Internet e il passaparola come terreni di battaglia.