Moda. Il cortocircuito di Marco Grisolia

Riflettori puntati su Marco Grisolia, designer che non ha paura di misurarsi con materiali e tessuti eterogenei. Dando vita a una collezione complessa ma accessibile.

Marco Grisolia, collezione primavera-estate 2017

Ho sempre pensato alla moda come a una forma di comunicazione alternativa, che per manifestarsi necessita di ornamenti più o meno complessi a seconda dell’informazione che si vuole trasmettere. L’atto dell’abbigliarsi sostanzialmente non è altro che il risultato conclusivo di un processo ben più ampio, complesso e affascinante. Il mio racconto è dunque costantemente supportato dall’onestà intellettuale. Divulgo pensieri, idee e concetti nei quali credo profondamente ma che soprattutto conosco. L’‘ispirazione’ così come ci è stata raccontata a scuola non mi interessa, un metodo accademico pronto a risolvere ogni limite ideologico, creativo ed espressivo. Io preferisco parlare della realtà, della vita o di fenomeni e circostanze a esse connesse”. Si racconta così Marco Grisolia, designer dell’eponimo marchio indipendente, nato nel 2013 come naturale prosecuzione della ricerca iniziata con Covherlab, non per sottolineare la conclusione di un ragionamento precedente, non per egocentrismo, sostiene, ma come atto di consapevolezza e voglia di indipendenza.

Marco Grisolia, collezione primavera-estate 2017
Marco Grisolia, collezione primavera-estate 2017

ATTRITI CREATIVI

Giovane cronologicamente, ha tuttavia un imprinting sicuro, forte dell’esperienza di stylist dello stesso Grisolia; la sua è una poetica lucida che unisce suggestioni personali che arrivano da un percorso artistico legato agli studi di pittura all’Accademia di Brera, ai mondi del design, della musica, sincronizzati su una propria estetica. Generare gap tra elementi eterogenei è una sua inclinazione intrinseca. Il suo linguaggio crea cortocircuiti spontanei partendo dai materiali usati: sfidando accostamenti inediti nei tessuti, produce attrito creativo, rimanendo concreto nella vestibilità. Il suo immaginario si delinea chiaramente nella collezione primavera/estate 2017: “Sette storie visive raccontate con la tecnica del collage (I wanted to stay, I am what I am, Degrees of degradation, It’s too hard for me, Owners of nowhere, Crisis e I wanna be perfect), veri e propri  manifesti, riflessioni sulla violenza, il rispetto dei generi, il degrado ecologico, la fragilità interiore, lo sfruttamento delle risorse e dei popoli, il desiderio incessante di apparire, decodificati attraverso i media o per contatto diretto, che diventano terreno quotidiano di costruzione del reale, un tessuto disarmonico accresciuto dalla distrazione comune, esorcizzato attraverso il collage”. Un dialogo intercontestuale e allegorico che si concretizza in una collezione accessibile e complicata, profonda e diretta, che parla del contemporaneo.

Stefania Seoni

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #36

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua 
inserzione sul prossimo Artribune

CONDIVIDI
Stefania Seoni
Stefania Seoni è una giornalista freelance e docente nel corso di Art Direction nel master di Fashion and Texile design in Naba. Dopo le prime collaborazioni con varie testate di moda (Elle Italia, Zero, Cabinet Corea)ha iniziato il suo percorso con Diane Pernet, curando la prima edizione alla Triennale di Milano di ASVOFF, il primo festival itinerante di Cinema e Moda. Con Diane Pernet ha inoltre curato la sezione emergenti di Asvoff, realizzato in collaborazione con Vogue Italia. Reporter per cinque anni in Italia per il blog Asvof, ha seguito e segue i designer emergenti. Si occupa attualmente di copywriting per diversi brand, scrive di moda e arte per il magazine tedesco Zoo.