La scommessa di Carmina Campus

Possono lusso ed ecosostenibilità coincidere? Sembra aver risposto Ilaria Venturini Fendi con il suo progetto Carmina Campus, che unisce lavorazioni artigianali made in Italy a materiali di riuso e riciclo.

Ilaria Venturini Fendi, Carmina Campus

Carmina Campus è una collezione di borse, accessori e forniture con un alto valore umano aggiunto, che riesce a coniugare l’idea di moda etica e sostenibile, a basso impatto ambientale, con la grande tradizionale artigianale italiana e i suoi saperi antichi.
Ilaria Venturini Fendi, dopo un lungo passato nell’azienda di famiglia, decide di abbandonare tutto per dedicarsi al suo podere alle porte di Roma. È proprio lì, a contatto con la natura, che raccoglie la sfida di creare con rifiuti, fondi di magazzino e pezzi vintage oggetti glamour dal grande appeal. Interruttori elettrici diventano così scintillanti Switch bag; cartelle colori si trasformano in morbide Soft Bag; ritagli di pelle e tappi di bottiglia lavorati a intarsio si tramutano in preziose Pyramid bag. Ready made che raccontano una nuova storia, oggetti che, decontestualizzati e rielaborati, acquistano un nuovo senso e un nuovo significato.

Switch Bag by Carmina Campus
Switch Bag by Carmina Campus

Il giovane brand ha di recente ampliato le sue vedute oltre l’Italia, raccogliendo un’altra sfida: Not Charity, Just Work, la scommessa di creare opportunità di lavoro e sviluppo nei Paesi africani. Grazie all’International Trade Center, un’agenzia congiunta delle Nazioni Unite e dell’Organizzazione Mondiale del Commercio, è stato possibile realizzare una linea di borse e accessori interamente prodotta in Africa con materiali locali, garantendo condizioni di fair labour e cercando di formare una nuova classe di microimprenditori autonomi. Un esempio di come l’ecologia, la sostenibilità o semplicemente il made in Africa possano diventare di moda.

Alessio de’ Navasques

www.carminacampus.com

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #10

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

  • francesca mazzotti

    ottimo lavoro…ma la vera sfida arriverà quando non si useranno più pelli per la realizzazione di capi di lusso. questa, a mio avviso, è la nuova sfida…basta con la sofferenza atroce degli animali

  • mrsgrace

    “Not Charity, Just Work” Condivido totalmente l’intento!