Festa di fine estate con il graphic design internazionale sull’ultima spiaggia spagnola di Portbou

In un luogo magico sulla Costa Brava catalana si svolge da oltre 10 anni la Festa del Grafisme per celebrare la scena del design underground. Novità di quest’anno i workshop con i professionisti: dalla comunicazione all’architettura

Festa del Grafisme, Portbou
Festa del Grafisme, Portbou

Portbou, l’ultima città dei Pirenei e luogo magico sulla Costa Brava catalana, dove la catena montuosa si protende verso il mare, ospita da oltre un decennio la Festa del Grafisme: un incontro annuale di fine estate che riunisce e celebra la scena del design underground, guardando anche verso altre discipline. Un appuntamento che si ripete anche quest’anno – in programma dal 10 al 16 settembre –  ma con una novità, rappresentata dai Tallers de la Festa: un nuovo programma di workshop estivi per imparare con i migliori designer internazionali. “La nona edizione, nel 2016, è stata quella in cui la Festa si è finalmente evoluta aprendosi ad altre discipline, per riuscire a parlare del design con una prospettiva molto più ampia e ricca”, spiega ad Artribune Raul Goñi, Art Director e Designer, Co-fondatore ed organizzatore della Festa dalla sua prima edizione.

I WORKSHOP

“Ed ora, per la prima volta e dopo 10 anni di Festa, l’organizzazione offrirà la possibilità di partecipare a workshop di 5 giorni con professionisti del calibro di Anthony Burrill, Bendita Gloria, Curro Claret ed i membri dei progetto Leve, Francesc Pla e Eva Serrats”. Cinque giorni di laboratori immersivi, seguiti da due giorni di mostre, conferenze e concerti, si svolgeranno, così, su quest’ultima spiaggia spagnola prima del confine con la Francia, scelta dagli organizzatori proprio per questa sua condizione liminale, come l’evento stesso. “Abbiamo sempre scelto Portbou come location perché ci offre un ambiente tranquillo e per il suo essere al confine, ai margini tra arte e comunicazione, tra cultura e affari, tra ispirazione e riflessione, tra città e natura”, continua Goñi. “La Festa del Grafisme nasce come un invito aperto a professionisti, studenti e tutto il pubblico interessato a riflettere sulla funzione comunicativa e sociale del graphic design da una prospettiva umanistica, onesta e calma, non sottoposta allo stress che caratterizza l’ambiente professionale di questa disciplina. La Festa è un incontro per imparare e condividere”.

LA STORIA DELLA FESTA

La Festa del Grafisme non ha fini di lucro, nasce nel 2007 a seguito del viaggio all’ International Poster and Graphic Design Festival of Chaumont di un gruppo di amici, educatori e professionisti con una grande passione per il disegno grafico: l’organizzazione a tutt’oggi dispone di un budget minimo, e nessuno dei membri riceve un compenso finanziario. “Tutte le attività offerte sono gratuite, ad eccezione della novità di quest’anno, i workshop della Festa (tallers, in catalano) che si svolgono durante la settimana precedente alla Festa del Grafisme”, conclude  Goñi, “e in cui gli iscritti si immergono in corsi intensivi della durata di 5 giorni con i maggiori professionisti del settore della comunicazione, design grafico ed industriale e architettura”.

– Claudia Giraud

11. Festa del Grafisme
10-16 settembre 2018
www.festadelgrafisme.org
www.tallersdelafesta.org

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).