Il design della morte. Lanciata a Milano la funeral collection Potalove con party a tema. Le foto

Con Potalove di Rosalba Piccinni, la “cantafiorista” fondatrice del bistrot milanese Potafiori, il design contamina quella categoria di oggetti legati alla morte, liberandoli da un’estetica ancora troppo tradizionale. Ecco le immagini

Funeral Party
Funeral Party POTALOVE, ph Carmine Conte

Tra le tante feste organizzate in vista della design week milanese ne è andata in scena una un po’ particolare qualche sera fa: un Funeral Party. Un evento organizzato in un ex spazio industriale di Milano da Rosalba Piccinni – la “cantafiorista” di origine bergamasca (si è autoprodotta un disco pop-jazz, Arrivi, e ha fatto sei concerti al Blue Note) fondatrice del negozio di fiori/bistrot milanese Potafiori – per presentare il suo ultimo progetto di design Potalove, una vera e propria funeral collection. “Ho deciso di sviluppare Potalove dopo aver vissuto negli ultimi anni la morte di diverse persone a me care”, afferma Rosalba Piccinni. “La morte non dovrebbe essere solo un momento di dolore, ma anche di condivisione con i propri familiari e amici: mi sono sempre più convinta che fosse necessario cambiare l’estetica legata a questa occasione, a partire dalle bare, che dovrebbero essere l’ultimo oggetto di design a cui una persona nella sua vita si lega”. La collezione Potalove – visibile in occasione della Milano Design Week presso Potafiori – si compone di bare e urne dal design essenziale, che si trasformano in oggetti di interior dall’estetica unica: sono infatti interamente personalizzabili in termini di finiture (colori, rivestimenti, customizzazione delle superfici), così da potersi fare espressione della personalità degli acquirenti. Una collezione davvero particolare che è stata salutata, nel corso della serata di venerdì 13 aprile, da un sottofondo di Bach suonato dai pianisti Danilo Rea e Ramin Bahrami, dalle note di Personal Jesus dei Depeche Mode cantata da Johnny Cash, e da una performance musicale improvvisata su brani ispirati alle feste funebri di New Orleans, a cui si è unita la stessa Rosalba Piccinni cantando Lascia che io pianga. Ecco le immagini…

 

 

Evento correlato
Nome eventoPotalove
Vernissage17/04/2018
Duratadal 17/04/2018 al 22/04/2018
Generedesign
Spazio espositivoPOTAFIORI
IndirizzoVia Salasco, 17, 20136 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • Tanagra

    Il design della morte.
    La morte come momento di condivisione o di spettacolo?
    ” le bare dovrebbero essere l’ultimo oggetto di design a cui una persona nella sua vita si lega” Ecco queste parole di Rosalba Piccinni offrono , secondo me , la chiave per interpretare un modo di pensare diffuso: la negazione della morte che significa la paura della morte….

    • Paolo Rasi

      non è negazione della morte, è invece voler celebrare ed omaggiare un proprio caro in modo diverso non convenzionale e standardizzato, regalandogli un ultimo saluto personalizzato a degna coronazione della sua vita.
      a tal proposito di suggerisco di guardare questo video :

      Link video : https://www.youtube.com/watch?v=4-avhSgf7eE

      prodotto dalla ditta Biemme Special Cars specializzata nella produzione di autofuenbri e di leggerti l’articolo presente in questa pagina .

      Pagina : http://www.biemmespecialcars.it/cerimonia-funebre-personalizzata/