Banzi in the box. Il packaging di Arduino

È rassicurante scoprire che anche l’immaterialità del software ha bisogno della concretezza del packaging. La schedina elettronica Arduino è uno dei nostri migliori simboli di tecno-democrazia. Il suo successo è dovuto al concetto molto contemporaneo di “software libero e condiviso”. Ma qui parliamo più prosaicamente di imballaggi…

Studio ToDo, packaging per Arduino

Arduino è una piattaforma hardware e come tale – essendo distribuita in versione pre-assemblata, acquistabile su Internet o in negozi specializzati – deve essere appropriatamente imballata e protetta. Se il concetto che sta alla base di Arduino, per chi non è un nativo digitale, non è semplice da capire, al contrario il suo packaging possiede qualcosa di spensierato e leggero: sembra la confezione di un Meccano 2.0. La comunicazione è precisa, sintetica e intuitiva; la grafica colorata e giocosa come quella delle emoticon.
La scatola che contiene Arduino è stata disegnata dallo studio ToDo di Torino, un laboratorio di design “di nuova generazione” che sviluppa consulenze e strategie digitali mixando creatività, interazione e tecnologia. Giorgio Olivero, il responsabile del progetto, ci ha racconta che dopo l’inatteso, enorme successo di Arduino e la sua repentina diffusione, c’era la necessità di realizzare un sistema di imballaggi che fosse flessibile, accessibile, “friendly” come Arduino stesso; scatole adattabili alle diverse tipologie di schede, che fossero abbastanza economiche, facilmente producibili e velocemente ristampabili anche in grandi quantitativi.

Studio ToDo, packaging per Arduino
Studio ToDo, packaging per Arduino

Per la grafica si è scelto di usare solo il linguaggio iconografico; per dare rilevanza a un oggetto il cui destino non sarà mai più quello di esser celato entro grigie scocche, la scheda stessa è diventata anche un supporto grafico per la comunicazione di importanti informazioni e indicazioni “scritte” proprio sul circuito stampato, una vera rivoluzione nel settore dell’hardware. Per la stampa solo cinque colori pantone, per i contenuti un font “instant  classic”, come si dice in gergo, al di fuori di connotazioni temporali, proprio come il segno di infinito (con un – e un  + mutuati dall’elettronica) che caratterizza il marchio Arduino, un progetto idealmente in eterna espansione. Che non invecchierà mai, che è già un classico contemporaneo.

Sonia Pedrazzini

www.todo.to.it

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #17

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

CONDIVIDI
Sonia Pedrazzini
Sonia Pedrazzini, designer. Consulente per l’agenzia Dieter Bakic Design a Monaco di Baviera, si è specializzata in packaging cosmetico. Nel 1996 ha aperto lo studio a Piacenza, un atelier creativo che spazia dal design all'arte, dalla grafica a progetti per l’editoria e la didattica e che oltre a realizzare prodotti per il mercato si occupa degli aspetti culturali e pop della società contemporanea, sviluppando nuovi concept e progetti più sperimentali e di ricerca. Ha ideato e coordinato il Master in Packaging Design per lo IED di Milano e ha svolto lectures, workshop e attività di docenza presso varie accademie e università. Nel 2001 ha fondato, con Marco Senaldi, la rivista Impackt Contenitori e Contenuti (Edizioni Dativo) di cui è stata anche il direttore editoriale. Ha scritto di design e di packaging per riviste quali Ottagono, Interni, Case da Abitare, ItaliaImballaggio e Artlab. Attualmente si occupa di design e autoproduzione e ha realizzato un' edizione limitata di candele ispirate alle nature morte di Giorgio Morandi. Un progetto in cui design, arte e packaging trovano un felice punto di unione.