Il focolare della decrescita

C’era una volta la cucina componibile, epicentro familiare degli affetti e della buona forchetta. Rassicurante, inclusiva, doveva coniugare il riferimento simbolico al focolare con la praticità ergonomizzata dell’uso e della prestazione culinaria…

Valcucine

Con la mitologia di questo piccolo ventre caldo, regno di una massaia destinata ad accudire con efficienza: ci abbiamo convissuto per decenni. Fino a che questo modello, culturale prima che produttivo, ha iniziato a includere nuovi tipi di istanze: tecnologia, ambiente, durata del ciclo di vita del prodotto, ben oltre il funzionamento di un claim o la stagione di una pubblicità.
Il nome dell’azienda che prima di altre ha sposato questo nuovo passo, abbracciando con decisione assoluta il tema di una sostenibilità a 360 gradi, ambientale e semantica? Valcucine. Una realtà – industriale, si badi bene – che chiede alle cucine del terzo millennio qualcosa di più. Non solo di contenere al massimo l’impatto sull’ambiente, grazie alla produzione del primo modello in acciaio e vetro completamente riciclabile, ma anche di affrontare con soluzioni pratiche temi come etica, decrescita, salute.

Valcucine

Un altro specchietto – questa volta più evoluto – per la pubblicità? Quanto meno, uno specchietto coraggioso, come dimostra l’attitudine dell’amministratore delegato Gabriele Centazzo. Uno che ha fatto del concetto di albero la metafora per il ripensamento di un’intera filiera, e che non rinuncia a investire nella promozione di un dibattito faticoso, lontano dalle ricette del profitto immediato.

Giulia Zappa

www.valcucine.it

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #7

CONDIVIDI
Giulia Zappa
Laureata in comunicazione all’Università di Bologna con una tesi in semiotica su Droog Design, si specializza in multimedia content design e design management a Firenze e New York. Da oltre dieci anni lavora come design&communication strategist, occupandosi di progetti a cavallo tra comunicazione e prodotto. Ha insegnato Comunicazione Multimediale all’Accademia di Belle Arti di Roma. È consulente per programmi internazionali di design per lo sviluppo. Giornalista pubblicista, per Artribune è responsabile editoriale delle pagine dedicate al design.
  • LAN

    Marchettone??