Presentato il programma YAP FEST 2018 al MAXXI per l’estate romana

È stato presentato il programma YAP FEST 2018 del MAXXI che spazia tra incontri, talk ed eventi che animeranno le calde estati romane. Ecco di cosa si tratta

Ph Musacchio Ianniello courtesy Fondazione MAXXI
STUDIOD3R / Studio for Design, Research and Reflexive Realities con Marcello Fantuz, Green Gallery. Roma, MAXXI. Foto Musacchio Ianniello - Courtesy Fondazione MAXXI

Un programma intenso, come già anticipato qualche giorno fa. Lo YAP FEST 2018 è iniziato, e sarà arricchito da eventi, talk ed incontri che coinvolgeranno tutti gli amanti dell’arte, dell’architettura, della letteratura, della musica, della danza, del cinema e della moda che trascorreranno la loro estate nella Capitale. 35 saranno gli appuntamenti totali che si concluderanno il 3 ottobre. Un esempio? Il 3 luglio alle 18 ci sarà una grande conversazione con Kendell GEERS e Hou Hanru oppure il 25 un appuntamento con il cinema iraniano con TALES di Rahkshan Bani Etemad e molti altri. Ne abbiamo parlato con i protagonisti.

UNA GREEN GALLERY AL MAXXI

Arrivato alla sua settima edizione, YAP – Young Architects Program “è un progetto che sostiene i giovani e la loro creatività”, organizzato dal MAXXI in collaborazione con il MoMA/MoMA PS1 di NY; si affianca agli altri premi del museo capitolino, promossi per sostenere i giovani artisti, come il Bulgari Prize. Quest’anno l’incarico è stato assegnato allo STUDIOD3R / Studio for Design, Research and Reflexive Realities con Marcello Fantuz che hanno presentato una grande Green Gallery.Sollecitata da Artribune, il Direttore MAXXI architettura, Margherita Guccione, durante la conferenza stampa, ha sottolineato che “il progetto mira anche ad arricchire l’offerta culturale del nostro spazio espositivo e a fornire un’oasi verde dove poter sostare, rinfrescarsi e assistere ai tanti eventi estivi che vengono organizzati. Quest’anno la Green Gallery risponde pienamente alle aspettative e mette in primo piano il benessere del visitatore che è protagonista di questa grande piazza su cui il MAXXI si affaccia”.Guccione non si è sottratta neppure a un bilancio sull’iniziativa:“Siamo convinti che questo meccanismo funzioni molto bene e che la creatività dei giovani venga valorizzata, infatti sono numerosi i riconoscimenti internazionali raggiunti dagli architetti che hanno esposto nel nostro spazio. Inoltre quest’anno il livello è stato davvero alto, basta guardare i progetti finalisti esposti nella mostra nella Sala Scarpa di AM3 Studio, KOLENDIĆKRMEK, SUMMARY e Tomé Capa + limit Studio. Quindi è stato sicuramente difficile prendere una decisione”.

PAROLA ALLO STUDIO VINCITORE DI YAP MAXXI 2018

In occasione dell’opening, abbiamo raccolto anche il punto di vista di STUDIOD3R con Marcello Fantuz, un giovane team di architetti dal curriculum internazionale, con sede in Austria e Germania “Siamo partiti da quello richiesto dal MAXXI e abbiamo iniziato un ragionamento sulla biodiversità, sull’architettura e sulla città. – Hanno sottolineato –Poi abbiamo iniziato ad analizzare la flora e la fauna locale e il ruolo che gli spazi verdi hanno sugli esseri umani: danno serenità e servono per rendere la città più sopportabile per gli uomini che la vivono. Ecco quindi che il nostro lavoro, dalle strutture leggere composto da elementi modulari e da una vegetazione ricca e diversificata, si contrappone ad un’area densamente costruita e popolata come questa”.

– Valentina Poli

http://www.maxxi.art/progetto/young-architects-program/

 

Evento correlato
Nome eventoYAP Rome at MAXXI
Vernissage12/06/2018 ore 19.30
Duratadal 12/06/2018 al 03/10/2018
Generearchitettura
Spazio espositivoMAXXI - MUSEO DELLE ARTI DEL XXI SECOLO
IndirizzoVia Guido Reni 4a - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Poli
Nata a Venezia, laureata in Conservazione e Gestione dei Beni e delle Attività Culturali presso l'Università Ca' Foscari di Venezia, ha frequentato il Master of Art presso la LUISS a Roma. Da sempre amante dell'arte ha maturato più esperienze nel settore della didattica progettando e gestendo laboratori, in quello della preparazione di piccoli e grandi eventi culturali, nel settore delle gallerie d'arte e in campo giornalistico con collaborazioni con riviste del settore. Oggi vive a Roma.