Questo è il racconto di un episodio. Non può e non deve essere generalizzato, però la dice lunga su come la riforma Franceschini sia buona ma non sufficiente. Ecco cosa abbiamo visto a Brera fra Natale e Capodanno. Ed ecco cosa resta da fare per portare a un livello europeo il nostro inestimabile patrimonio culturale.

Milano, esterno sera, vacanze natalizie, periodo tra Capodanno ed Epifania, Municipio 1, quartiere Brera. Sei a spasso, decidi di andare a rivederti la Pinacoteca di Brera. Prima però, nella Sala Napoleonica, mostra di arte contemporanea. Il fantastico Dossier Postale di Alighiero Boetti allestito malissimo e spiegato peggio. Con un testo, stampigliato su alcuni pannelli, pieno zeppo di refusi. Pazienza, andrà meglio sopra.
Grande cortile monumentale, qualche persona entra, qualche persona esce. Nello specifico, quelle che escono fermano quelle che entrano. Così: “Scusate, dovete salire? Dovete vedere il museo? Siete anche voi in tre? Perché noi abbiamo ancora i biglietti, nessuno ce li ha annullati”. È tutto uno scambio di ticket. Quel giorno (il 5 gennaio 2018, a essere precisi) chissà quanti ingressi non conteggiati avrà totalizzato il museo. Lo strano mercanteggiare in cortile aveva più di una giustificazione: entri e, invece di andare a destra, vai a sinistra. L’uscita è totalmente sguarnita; gli addetti, quando c’erano, erano imbambolati davanti allo smartphone, ma ora non ci sono più e basta spingere un pulsante per aprire una porta automatica e ritrovarsi dentro la Pinacoteca. Neppure serve mostrare il biglietto pluri-riciclato: chiunque può entrare, controlli zero.

L’addetta a controllare tutto questo ben di dio di proprietà dello Stato italiano dorme. Sono le quattro del pomeriggio, non le quattro di notte, ma effettivamente l’atmosfera è soffusa, le luci sono fioche, il caldo concilia e il brusio culla. E lei dorme“.

Si parte dunque a ritroso, dall’ultima sala. Spettacolare: la potenza di Giuseppe Pellizza da Volpedo, il romanticismo di Francesco Hayez. L’addetta a controllare tutto questo ben di dio di proprietà dello Stato italiano dorme. Sono le quattro del pomeriggio, non le quattro di notte, ma effettivamente l’atmosfera è soffusa, le luci sono fioche, il caldo concilia e il brusio culla. E lei dorme. Puoi dare una carezza al Quarto Stato e nessuno ti dirà nulla. Le piccole sale successive sono lateralmente chiuse da ringhiere mobili – forse per riallestimento, forse per carenza di personale: non è spiegato il motivo. Si prosegue sempre a ritroso fino alla sala 31 dove l’addetto, questa volta un uomo sempre di mezza età, dorme anche lui. Dorme. È il secondo custode in otto sale, e due su due sono intenti a dormire invece che a controllare. Nelle dieci (dieci!) sale successive, nessun addetto al controllo. Le apposite postazioni vuote. Nella sala dove fa bella mostra di sé la Cena in Emmaus di Caravaggio un bambino è libero di sfiorare il quadro senza alcuna supervisione esterna, se non quella dei suoi genitori. Il successivo addetto, una signora – ancora affondata dentro il suo piumino tanto da sembrare quasi una visitatrice appena entrata e non una persona lì per lavorare – guarda filmati sul suo smartphone piegata in due. Le grandi sale 8, 9, 14 e 15 vedono la presenza degli unici e ultimi due addetti al controllo, questa volta un pelo più attivi e presenti dei colleghi.
Sembrerebbe un’invenzione, o peggio una calunnia, e legittimamente si potrebbe credere che lo sia, se non fosse che tutto quello che dico è ampiamente documentabile da foto e video che custodisco sul mio telefono e che ho deciso di non pubblicare per carità di patria e per non mettere a rischio posti di lavoro.
Ma sui posti di lavori dei musei, ed eccoci al punto, dovrebbero essere i direttori a decidere. Se una persona è capace e adatta al ruolo, si tiene; se una persona non è quella giusta nel posto giusto, la si deve formare, e se non vuole formarsi la si deve sostituire, come accade in qualsiasi organizzazione complessa che punti al massimo dell’efficienza, dello sviluppo, della tutela, del servizio ai cittadini e alla salvaguardia dei propri beni, che in questi casi sono inestimabili e unici.

Questi elogi però non devono far passare in secondo piano tutte le mancanze che la grande riforma italiana dei musei ancora lamenta. Si tratta di falle rispetto alle quali i direttori dei “musei indipendenti” di mezz’Italia devono far fronte con fatica e inutile dispendio di energie“.

Il giorno dopo aver potuto “apprezzare” le condizioni in cui versa la sorveglianza di Brera, ho letto con orgoglio i dati incredibili sull’incremento dei visitatori dei musei italiani e su quei dati abbiamo costruito l’ennesima notizia di elogio verso il Governo e verso Dario Franceschini. Questi elogi però non devono far passare in secondo piano tutte le mancanze che la grande riforma italiana dei musei ancora lamenta. Si tratta di falle rispetto alle quali i direttori dei “musei indipendenti” di mezz’Italia devono far fronte con fatica e inutile dispendio di energie. In collaborazione con il Ministero della Funzione Pubblica, il prossimo Ministero della Cultura dovrà porsi l’obiettivo di completare la riforma. Altrimenti quella dei cosiddetti “super direttori” resta una retorica incompleta e ipocrita, il racconto di un’autonomia che non può essere tale se pone paletti inammissibili, come lo scarsissimo margine di manovra sul personale.
Anche grazie ai fragorosi risultati in termini di singoli visitatori e di biglietti staccati, la riforma ha oggi acquisito la dovuta credibilità per essere attuata a pieno. Superando cancrene vetero-sindacali e sacche di privilegi, protezionismi e inefficienze non più giustificabili. A seconda del nuovo quadro politico che andrà a formarsi – e che commenteremo sul prossimo numero – il ministro che verrà potrà scegliere se annullare tutto, gettando il bambino con l’acqua sporca, o se migliorare quanto fatto sino ad oggi.

Massimiliano Tonelli

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #41

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Massimiliano Tonelli
È laureato in Scienze della Comunicazione all’Università di Siena, dal 1999 al 2011 è stato direttore della piattaforma editoriale cartacea e web Exibart. Ha moderato e preso parte come relatore a numerosi convegni e seminari; ha tenuto docenze presso centri di formazione superiore tra i quali l’Istituto Europeo di Design, l'Università di Tor Vergata, l'Università Luiss, l’Università La Sapienza di Roma ed è professore a contratto allo IULM di Milano. Ha collaborato con numerose testate tra cui Radio24-Il Sole24 Ore, Time Out, Formiche. Suoi testi sono apparsi in diversi cataloghi d’arte contemporanea e saggi di urbanistica e territorio. È stato giurato in svariati concorsi di arte, architettura, design. Attualmente dirige i contenuti di Artribune e del Gambero Rosso.
  • cicciomunaron

    Il problema lo sa qual’è, caro Dott. Tonelli? Che chi gestisce l’informazione ha bisogno di fare notizia e che la maggioranza di chi legge l’informazione aspetta morbosamente la notizia inaudita e sciagurata per dare stura ai propri istinti forcaioli. Un formidabile incontro domanda-offerta. E così fanno più notizia due custodi addormentati che qualche migliaio di loro che lavorano attivamente partecipando alla vita dei musei/aree archeologiche/biblioteche/archivi. E così buttiamo fango su una categoria di dipendenti pubblici che avrebbe le carte in regola per essere un pelino più valorizzata. Ci aspettiamo un articolo di segno opposto: di esempi ce ne sono tanti e la medaglia da che mondo è mondo ha due facce. Ah certo… quell’articolo non farebbe notizia!
    In attesa di sua risposta.
    Cordialmente
    Roberto Ciappi
    Assistente alla fruizione, vigilanza e accoglienza presso la Galleria Nazionale dell’Umbria – Perugia

  • Alessandro Uccelli

    Sarete anche entrati a ritroso, non nego che sia possibile, perché ho lavorato 10 anni nell’istituzione museale in questione (piuttosto, complimenti per averlo fatto e divulgarlo senza vergogna per far trionfare la “veritaaaaaa”): da lì a toccare i quadri o le sculture senza essere osservati ne passa… le pareti sono protette da un sistema “a tenda”, un dissuasore acustico che blocca il gesto come una tagliola invisibile. Per il resto, mi accodo al commento del collega di Perugia: venite a vedere cosa ci sforziamo quotidianamente di fare per rendere fruibile e comprensibile il patrimonio collettivo, non puntate sempre il dito su casi isolati (per quel che riguarda Alighiero Boetti nel Salone Napoleonico, direi che è il caso di rivolgersi all’Accademia, e non alla Pinacoteca…si chiama fact checking, n’est-ce-pas?).
    Cordialmente
    Alessandro Uccelli
    Ex- Assistente Tecnico Museale della Pinacoteca di Brera, ora ai Musei Reali di Torino