Aste nel mondo. Quattro appuntamenti da non perdere. Dal selfie di Warhol al Pollock ritrovato

4 appuntamenti in asta da non perdere tra Londra e New York. In asta la collezione Rockfeller, il selfie di Andy Warhol, il Rinascimento Italiano e il Pollock ritrovato.

Sotheby's, l'asta di Londra a ottobre 2016
Sotheby’s, l’asta di Londra a ottobre 2016

La stagione si avvia alla conclusione? Tutti in vacanza? Non i collezionisti, ai quali spetta un tour de force di aste a fine giugno e inizio luglio. Londra a fare da padrona in questa settimana calda di pezzi rinascimentali, impressionisti e contemporanei. Nel frattempo una casa d’asta di Scottsdale in Arizona mette in vendita un’opera ritrovata di Jackson Pollock con una storia straordinaria. Sempre in America, a New York, i collezionisti sembrano fare a gara a chi vende più opere per beneficenza. Qualche giorno fa vi raccontavamo di Agnes Gund, che ha venduto il suo Masterpiece di Lichtenstein a favore di un progetto contro l’incarcerazione di massa. Ora tocca a David e Peggy Rockfeller a fare i filantropi.

Santa Nastro

1. ANDY WARHOL DA SOTHEBY’S

L’autoritratto di Andy Warhol

È già stato definito il selfie di Andy Warhol, questo autoritratto primo della famosa serie dell’artista di Pittsburgh, campione della Pop Art, che verrà battuto all’asta il prossimo 28 giugno alla Evening Sale d’arte contemporanea di Sotheby’s a Londra. Gli autoritratti seguono in ordine temporale le rappresentazioni di celebrities che hanno reso, tra le altre opere, famoso Warhol in tutto il mondo. L’opera in asta è datata 1963-64 ed è stata realizzata dall’artista a 35 anni. Sarà in asta per la prima volta a 30 anni dalla morte di Andy nel 1987. Stima: tra i 5 e i 7 milioni di sterline.

www.sothebys.com

2. IL RINASCIMENTO ITALIANO

Giovanni Toscani (Firenze 1370/80–1430) Scene dalla novella di Ginevra, Bernabò e Ambrogiuolo (Boccaccio, Decameron), tempera e oro su pannello

Il 6 luglio Christie’s presenta nell’ambito della Old Master Paintings Evening Sale, una collezione di pannelli di cassoni rinascimentali, 8 nella fattispecie, provenienti da Firenze e Siena. Commissionati per celebrare i matrimoni dell’èlite locale, sono stati realizzati, tra gli altri dal Maestro di Carlo III di Durazzo, Giovanni Toscani e Lo Scheggia. L’opera di Toscani è stata riconosciuta come pendant di quella conservata alla National Gallery di Scozia e raffigura una scena del Decameron di Boccaccio. Stima? 600-900.000 sterline.

Christie’s Londra,
8 King Street,
dal 1 al 6 luglio 2017
www.christies.com

3. IL POLLOCK SCONOSCIUTO

Scottsdale, Arizona

Una delle storie più affascinanti dietro un’opera d’arte: il 20 giugno andrà in asta da J.Levine a Scottsdale, in Arizona, un dipinto raro, perduto di Jackson Pollock. Si tratta di una gouache realizzata verso la metà del secolo scorso proveniente dalla tenuta di Jennifer Gordon, amica del critico d’arte Clement Greenberg, di Hazel Guggenheim, sorella di Peggy, e dello stesso Jackson. Facoltosa collezionista avrebbe lasciato l’opera al fratellastro, oggi in Arizona. Secondo la casa d’asta, che ha speso un anno di ricerche per dimostrare l’autenticità del dipinto, l’opera risalirebbe al 1949-50. Una relazione forense sostiene l’ipotesi che il dipinto sia di Pollock. La Fondazione Pollock-Krasner non autentica dipinti e ci sono state molte dispute in passato riguardo alle opere del grande artista americano. Ma Levine non ha dubbi in proposito.

Levine Auction & Appraisal
10345 N. Scottsdale Rd.,
Scottsdale, Arizona
www.jlevines.com

4. ROCKEFELLER IN ASTA

Il Rockefeller Centre di New York

L’Estate di David Rockefeller, erede più giovane del filantropo americano John D., metterà all’asta la collezione Peggy & David Rockfeller: oltre 2000 pezzi multidisciplinari, il cui ricavato andrà in beneficenza. Le vendite verranno organizzate a partire dalla primavera 2018 a New York, presso il Rockefeller Centre. Tra le opere pezzi impressionisti, post impressionisti e moderni, dipinti americani, mobili inglesi e europei, opere d’arte asiatiche, ceramiche europee, porcellane e argenterie. Da non perdere.

www.christies.com

CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.