Caccia agli incendiari. Fiamme alla Marx Halle, il padiglione della fiera Vienna Contemporary

Attimi di paura per un incendio di natura dolosa al Marx Halle, il padiglione dove si tiene la fiera Vienna Contemporary. L’evento di mercato centrale per l’arte contemporanea in Austria non sarebbe a rischio, assicurano gli organizzatori agli espositori preoccupati.

Vienna Contemporary 2016 - (c) viennacontemporary : A. Murashkin
Vienna Contemporary 2016 - (c) viennacontemporary : A. Murashkin

Va in fiamme una parte della Marx Halle, la location che ospita dal 2015 la fiera d’arte contemporanea più importante in Austria, Vienna Contemporary. Non parte in maniera fortunata questa terza edizione di un evento nato dal distacco del team operativo dal grembo della veterana ViennaFair, che si è proposto al pubblico dell’arte con un nuovo brand fieristico e che ha vissuto, fin dal suo debutto, luci e ombre. Non ci sono dubbi sul fatto che l’incendio sia di natura dolosa, dinamica accertata dai vigili del fuoco e dalla polizia. Nella notte tra domenica e lunedì alcuni individui, non ancora identificati, sono penetrati nel grande padiglione in Karl-Farkas-Gasse, infilandosi nella cosiddetta “Sala degli eventi” e dando fuoco a un elemento d’arredo.

LA MANIFESTAZIONE A RISCHIO?

Le fiamme hanno coinvolto le pareti della sala e si sono propagate verso gli stand più prossimi, danneggiando anche il tetto della costruzione. Secondo il rapporto dei pompieri il danno è “sostanzioso” e potrebbe mettere in dubbio il regolare svolgimento dell’attesissima Vienna Contemporary 2017, in agenda dal 21 al 24 settembre, diretta anche quest’anno dalla biondissima, giovane kazaca Christina Steinbrecher-Pfandt. Organizzatori in fibrillazione, naturalmente, seppure nelle ultime ore del pomeriggio di oggi martedì 12 settembre la situazione sembrerebbe essersi normalizzata. Il danno economico e di immagine generato da una sospensione o da un rinvio della manifestazione potrebbe essere enorme. Ma pare che questo non accadrà, almeno secondo le ultime notizie circolate tra gli addetti ai lavori. D’altronde la fiera viennese del contemporaneo è in crescita: lo testimonia l’aumento degli espositori che quest’anno saranno 110 da tutta Europa. In lista anche due gallerie italiane, le galleria Boccanera di Trento e la Doris Ghetta di Ortisei. L’edizione 2016 aveva registrato la partecipazione di gallerie da ben 28 paesi, europei in netta maggioranza, da Mosca a Londra, ma anche da Pechino, New York, Seoul, Dubai. Tutto nell’ottocentesco edificio postindustriale Marx Halle.

21 – 24 settembre 2016
Vienna Contemporary
Vienna, Karl-Farkas-Gasse 19
www.viennacontemporary.at

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.