Moma, il museo istruttivo

Curiosare all’interno dei siti dei musei e delle istituzioni culturali è un divertente e istruttivo passatempo. Sciogliendo ogni possibile riserva, una premessa è necessaria: l’opera d’arte esige un rapporto “fisico” per la costruzione di un adeguato scambio dialettico e nessun tipo di approccio virtuale può sostituirsi alla meraviglia generata dall’incontro. A volte però ci sono strumenti che invogliano e facilitano l’accesso.

MoMALearning

Vagando in Rete, l’organizzazione dei siti mostra interessanti diversità, con rimandi a un più ampio discorso sull’importanza data alla cultura e agli aspetti divulgativi, all’accesso facilitato ai contenuti per favorire occasioni formative per un pubblico differenziato.
Ecco allora un sito per famiglie. Tra i primi luoghi virtuali creati e pensati come zone d’interazione e comunicazione, quello del MoMA di New York. Chi si aspetta effetti speciali rimarrà deluso. Dall’apertura del sito la navigazione è chiara e scorrevole, un unico iniziale banner con informazioni sulle mostre, sulle molteplici attività del museo e voci per le aree didattiche. Ad esempio, accedendo alla schermata del MoMALearning appaiono immagini corrispondenti ad argomenti dell’arte che offrono pdf scaricabili, facilmente utilizzabili da insegnanti a caccia d’idee sull’arte contemporanea, meno scontate dei progetti normalmente proposti nelle scuole. Alla voce Tool & Tips, percorsi con domande che accompagnano, con semplicità, nella dimensione speculativa dell’arte. Pratici i rimandi a significati di termini specifici o collegamenti fra artisti e movimenti, nelle parole evidenziate dai diversi colori.

Sempre nel tentativo di avvicinamento all’arte contemporanea, utile è anche la sezione Multimedia (da Explore), video e audio, contributi di artisti e apporti educativi di vario genere. Così in Interactive, spassoso Red Studio sulla Pop Art, o un extraterrestre, nell’animazione Destination: Modern Art, an intergalactic Journey to MoMa and P.S.1 che accompagna, in un efficace gioco, i più piccoli in un breve viaggio nell’arte tutto da scoprire. Per i più grandi, invece, la possibilità di scaricare le applicazioni per iPad  – MoMA Art Lab app per giocare, sempre artisticamente parlando.

Adele Cappelli

www.moma.org

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #13/14

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

CONDIVIDI
Adele Cappelli
Adele Cappelli (Ascoli Piceno, 1967) si occupa di arte contemporanea, formazione e comunicazione in ambito culturale-artistico. Docente di Pedagogia e Didattica dell’Arte all’Accademia di Belle Arti di Urbino e docente a contratto di Storia dell’Arte Contemporanea all’UNICAM-Corso di Laurea Disegno Industriale e Ambientale, Scuola di Architettura e Design E. Vittoria.
  • Mario

    Che analisi profonda, complimenti!