Manager a scuola da Augusto. Per comprendere le reti della contemporaneità

Manager delle banche popolari in visita a Roma. No, non è una gita scolastica fuori tempo massimo. È una due-giorni di formazione fra antico e moderno. Dai Mercati di Traiano al Maxxi.

Meet Design @ Mercati di Traiano

L’occasione è stata unica. Ogni angolo di Roma racconta l’incontro tra culture e tradizioni, tra antico e contemporaneo, che coesistono in modo raro.
Per due giorni, 60 manager della CIBP – Confederazione Internazionale delle Banche Popolari sono stati condotti in un percorso di approfondimento e riflessione sui temi delle reti, del territorio, del cambiamento e della relazione fra innovazione e tradizione.
Il progetto di formazione, organizzato dalla CIBP e da ICBPI con la collaborazione di Trivioquadrivio, ha testimoniato come l’arte e l’archeologia possano essere usate nella formazione aziendale quali leve motivazionali nelle attività di gruppi di diverse nazionalità e culture. Contesti che quotidianamente siamo abituati a leggere in chiave turistico-ricreativa sono diventati strumenti per condividere la missione e i valori guida della CIBP.
In particolare, le due intense giornate di lavoro si sono aperte con la testimonianza di un’esperta archeologa, che ha accompagnato i partecipanti alle rovine dei Mercati di Traiano e della Crypta Balbi. “Dall’Antico” sono emersi il valore e il ruolo del contesto nella definizione delle strategie e ciò è diventato spunto di riflessione sulle similitudini che esistono tra il lavoro dell’archeologo e quello dell’uomo d’impresa, entrambi impegnati nel raccogliere elementi dalla realtà che li circonda per inserirli nella rete della conoscenza.

Maxximalism

Dopo il viaggio virtuale nel mondo dell’Impero Romano, i partecipanti sono stati accompagnati da un’esperta di arte contemporanea al Maxxi. A partire da alcune delle opere esposte nella collezione permanente e nella mostra Indian Highway si è generata una discussione sulle “origini popolari” di CIBP, sulla  sua missione e sui suoi valori: le persone, il network, il territorio e l’attenzione al cambiamento.
La giornata, così aperta alla meraviglia e all’esplorazione, si è conclusa con l’intervento di un facilitatore di Trivioquadrivio, che ha suggerito come tradurre concretamente le ispirazioni e le intuizioni nate dall’indagine tra l’antico e il contemporaneo all’interno dei processi e delle dinamiche aziendali, che quotidianamente i manager devono affrontare.
La seconda giornata di formazione ha visto l’intervento di Franco Farinelli, docente di Geografia e Processi Territoriali all’Università di Bologna. Farinelli ha tenuto una lezione ispirata sul tema del ripensamento del paradigma moderno della geografia nell’epoca della globalizzazione. Dopo un momento di discussione comune, un facilitatore ha estrapolato le tematiche organizzative ed economiche, strategiche per le imprese contemporanee, suggerendo ai partecipanti come applicarle ai contesti lavorativi attuali.

Art For Business

  • Cristiana Curti

    Questa notizia che passa così un poco sottotono mi sembra invece di notevole importanza. Il resoconto di questa giornata di “formazione” per manager bancari è completo, ma mi sarebbe piaciuto sapere qualcosa di più sugli esiti e sulle innovazioni pratiche (teoriche e di applicazione alla finanza) di un tale singolare approccio alla materia. E soprattutto chi e perché ha “inventato” questo modo di istruire le nuove leve.
    Utilizzare il metodo di analisi dell’archeologo per sondare le diversità e le complessità dei mercati è cosa che avevo già sentito anche se non in questa forma così marchiatamente “funzionale”. Innovativa è invece la commistione dell’analisi fondata su “antichissimo” e “modernissimo”.
    Senza passare per il mercato dell’arte, le teorie economiche cercano nuove fonti di approfondimento del presente nella cultura accademica. Sembra incredibile!
    Sarebbe davvero interessante saperne qualcosa di più, avere indicazioni (riferimenti) più precise. La Redazione ha qualche nota in più da fornire, per favore?

  • Cristiana Curti

    Desidero ringraziare TrivioQuadrivio per la cortesissima risposta (che però noto non compare a commento di questa nota, ma solo nella lista dei commenti, per cui me ne sono accorta casualmente e di quest mi scuso). Sono già andata a verificare e penso che chiederò ancora proprio a voi sugli esiti della due giorni di formazione. E’ un’idea intrigante e ricca di possibilità. Grazie ancora.