Vinicio Boscaini – Le Venezie metafisiche

Padova - 03/09/2011 : 09/10/2011

Una Venezia irreale, fantastica, magica e impossibile quella resa in pittura con infinite varianti prospettiche e cromatiche da Vinicio Boscaini nel decennio da inizio secolo ad oggi; quasi un’ossessione, finalmente riportata in immagini, compagna di tutta una vita. Vinicio Boscaini è nato ad Este nel 1927. Attualmente vivente, ha la sua casa sui Colli Euganei, fonti d’ispirazione per la sua attività artistica.

Informazioni

Comunicato stampa

Venezie stralunate.
Una Venezia irreale, fantastica, magica e impossibile quella resa in pittura con infinite varianti prospettiche e cromatiche da Vinicio Boscaini nel decennio da inizio secolo ad oggi; quasi un’ossessione, finalmente riportata in immagini, compagna di tutta una vita. Vinicio Boscaini è nato ad Este nel 1927. Attualmente vivente, ha la sua casa sui Colli Euganei, fonti d’ispirazione per la sua attività artistica.
Pittore di sicura vocazione, è stato presente nei più importanti movimenti culturali di Venezia e del Veneto


Dopo la personale del 2002, il Comune di Padova-Assessorato alla Cultura dedica a Vinicio Boscaini un altro spazio espositivo per un'altra tematica cara all'artista: le Venezie.

Palazzo Zuckermann, C.so Garibaldi 33
Dal 4 settembre al 9 ottobre 2011
Inaugurazione mostra: sabato 3 settembre 2011, ore 18.30


Quella di Vinicio Boscaini è ed è stata una vita varia, nomade, errabonda, scandita da periodi diversi tra il natio Veneto, l’Europa, gli Stati Uniti, l’America, il ritorno tra i colli Euganei, le residenze diverse, il definitivo approdo a “the little house” nella remota Valle S. Giorgio.
Tuttavia il riferimento fondamentale è sempre il Veneto e Venezia e non solo la lezione delle Biennali, delle esposizioni di Ca’ Pesaro e della Bevilacqua La Masa, l’amicizia con Eugenio da Venezia, l’inserimento nel gruppo degli artisti dell’Ordine della Valigia, l’accostamento a Zotti, Tancredi, Licata: sono tutti indispensabili stimoli verso un personale e originale ripensamento per le tappe fondamentali dell’arte del Novecento, dal Cubismo al Surrealismo, dal Realismo magico alla metafisica con particolare predilezione per gli sviluppi veneti e italiani nei quali si sente visceralmente immerso.
Se nelle nature silenti e nei ritratti - temi prediletti degli anni settanta - prevale il neocubismo di tratto braquiano e negli intensi e poeticissimi paesaggi dei colli degli anni ottanta-novanta forza cromatica ed affettiva, sono le “Venezie” più recenti (2001-2011) a dare la misura di quanto nostalgie, rimpianti e realtà riescano ad elaborare nell’animo dell’artista.

Vinicio Boscaini ha vissuto e dipinto negli Stati Uniti per alcuni anni. Dal 1968 espone in tutta Europa oltre l’Italia, come per esempio Francia, Germania, Svizzera.
I Colli Euganei e le Venezie sono le tematiche fondamentali e principali dell’attività pittorica di Boscaini.
È definito il "poeta dei colli", perché non ha mai dimenticato il Veneto, terra dove è nato, pur se nella sua storia artistica c'è un importante passaggio giovanile in America.

Evento inserito in "Padova Estate Carrarese 2011"