Un’ora in viaggio

Napoli - 21/06/2011 : 30/06/2011

Quattordici giovani talenti nella mostra finale "Un'ora in viaggio. Conversazioni su architettura, arte e città".

Informazioni

Comunicato stampa

Sono gli scatti fotografici di Chiara Barbieri, Antonio Buonaugurio,
Giuliana Calomino, Alfonso Cantile, Michele D'Alessandro, Giuseppina De
Rienzo, Lucia Dovere, Lorenzo Leone, Paolo Liggeri, Gabriella Mondelli, Luca
Francesco Panico, Stefania Pettinato, Gianluca Pirro e Francesco Speranza ad
essere stati selezionati per la mostra finale del ciclo di incontri "Un'ora
in viaggio. Conversazioni su Architettura, Arte, Città", tenuto presso la
galleria The Apartment dal prof. Arch. Andrea Maglio.

La mostra che chiude il ciclo, infatti, si terrà negli spazi della galleria
di Vico Belledonne, dal 21 al 30 giugno 2011 (Inaugurazione Martedì 21
giugno alle ore 19)





I fotografi, alcuni professionisti, altri viaggiatori dallo sguardo
profondo, sono stati invitati a fornire visioni inconsuete, differenti dalle
immagini usurate e più note, interpretando il quotidiano urbano e l'elemento
architettonico di quattro città europee, oggetto delle "Conversazioni di
Arte , Architettura e Città": Berlino, Barcellona, Parigi, Londra.

Scatti fotografici, nuovi punti di vista, diventano lo strumento per
consentire a tutti di riscoprire la bellezza della loro città preferita
oppure della meta del prossimo viaggio. Tra questi luoghi compaiono ad
esempio Place de la Concorde, il Millennium Bridge e la Barceloneta, letti
però con uno sguardo originale e insolito.

La selezione dei 14 giovani talenti , che esporranno i loro lavori da the
Apartment, è stata affidata agli ideatori del progetto Andrea Maglio e
Carmen Mancini, insieme con la galleria the Apartment.





pone oggi sempre più come "oggetto" su un mercato costituito da turisti,
viaggiatori, studenti e da tutte le altre categorie che si giovano di una
mobilità facilitata e che attraverso operazioni più o meno approfondite di
recupero, trasformazione e valorizzazione, le città cercano di aumentare il
loro appeal e di attirare visitatori. Ma qual è la formula esatta per la
riuscita di questa operazione? L'effetto Bilbao, dove è bastato un pur
faraonico museo, come il Guggenheim, per far diventare una città
postindustriale di provincia meta di turismo culturale e di massa, non è
facilmente ripetibile. Le città europee hanno elaborato strategie diverse
per modernizzarsi e per ridisegnare la scena urbana attraverso l'arte e
l'architettura . Durante il ciclo di incontri, che terminerà con la mostra
fotografica , non sono mancati i pareri dei viaggiatori più esigenti e gli
interventi di esperti per osservare, attraverso l'arte e l'architettura,
scena urbana e differenti strategie di modernizzazione delle quattro città
europee. Tra gli interventi ricordiamo la scultrice Antonella Raio, che ha
illustrato il progetto artistico su Berlino presentato nel bando di concorso
"Über Lebenskunst 2010", L'arte del vivere, Maribel Serrano Sánchez,
Direttrice dell'Istituto Cervantes di Napoli, l'Architetto e Dottore di
ricerca in Urbanistica e Pianificazione Territoriale Valentina Gurgo, che ha
raccontato la città di Barcellona vissuta attraverso le proprie esperienze
lavorative; Anna Fresa, Architetto napoletano, e Ana Gloria Salvia,
Fotografa cubana, entrambe esperte conoscitrici degli spazi
parigini;Cristina Falvella, architetto e dottore di ricerca in urbanistica e
pianificazione territoriale, che si è laureata a Napoli presso l'università
Federico II e ha condotto all'estero, in particolare a Londra, lunghi
periodi di studio Cristina Falvella, Architetto e Dottore di Ricerca in
urbanistica e pianificazione territoriale, che ha condotto a Londra lunghi
periodi di studio.