The Future of a Promise

Venezia - 01/06/2011 : 20/11/2011

The Future of a Promise sarà la più ampia mostra di arte contemporanea Pan-arabica presentata alla 54. Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia. Verranno esposte 25 opere recenti realizzate da alcuni dei più famosi artisti dei Paesi Arabi, provenienti da un territorio che va dalla Tunisia fino all’Arabia Saudita.

Informazioni

Comunicato stampa

The Future of a Promise sarà la più ampia mostra di arte contemporanea Pan-arabica presentata alla 54. Esposizione
Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia. Verranno esposte 25 opere recenti realizzate da alcuni dei più
famosi artisti dei Paesi Arabi, provenienti da un territorio che va dalla Tunisia fino all’Arabia Saudita


The Future of a Promise include installazioni, performance, fotografia, video, scultura, pittura di importanti artisti
quali: Ziad Abillama (Libano), Manal Al-Dowayan (Arabia Saudita), Ahmed Alsoudani (Iraq), Ziad Antar (Libano),
Ayman Baalbaki (Libano), Lara Baladi (Egitto/Libano), Fayçal Baghriche (Algeria), Yto Barrada (Marocco), Taysir
Batniji (Palestina), Abdelkader Benchamma (Francia/Algeria), Ayman Yossri Daydban (Palestina/Giordania), Mounir
Fatmi (Marocco), Abdulnasser Gharem (Arabia Saudita), Mona Hatoum (Libano), Raafat Ishak (Egitto), Emily Jacir
(Palestina), Yazan Khalili (Palestina), Ahmed Mater (Arabia Saudita), e Driss Ouadahi (Algeria), e i tre vincitori del
premio Abraaj Capital Art Prize, Jananne Al-Ani (Iraq), Kader Attia (Algeria), and Nadia Kaabi-Linke (Tunisia).
La Mostra è curata da Lina Lazaar, prodotta da Edge of Arabia con il contributo di Abdul Latif Jameel Community
Initiatives e Abraaj Capital; per la prima volta assieme queste tre organizzazioni il cui impegno nel mondo dell’arte
contemporanea in Medio Oriente sta al centro della rinascita artistica della regione.
The Future of a Promise analizza il modo con cui un’idea si inacarna in un contesto formale e visivo, e come una
promessa apre un’orizzonte di possibilità future, siano esse estetiche, politiche, storiche, sociali o critiche. Nello
scenario degli eventi che attualmente si stanno verificando in Medio Oriente, questioni intrinseche alla cultura
araba come quelle di futuro e promessa, assumono un livello ancora più attuale. E’ in quest’ottica che la Mostra
indaga la “promise” della cultura visiva in un’epoca in cui è sempre crescente la disaffezione politica come simbolo
di impegno sociale.
Ciò nonostante gli artisti presenti in The Future of a Promise non vogliono rappresentare un movimento vero e
proprio, ma cercano di affrontare una questione centrale in Medio Oriente: chi riesce a rappresentare le diverse
realtà attuali e l’orizzonte a cui aspirano?
“Attraverso i lavori che ho selezionato, ho voluto indagare su come artisti, provenienti da diverse regioni di un’area
geografica frammentata, abbiano risposto alle promesse, spesso contraddittorie, che hanno segnato la nostra
storia…” afferma la curatrice Lina Lazaar. “Sono incredibilmente fiera e onorata di aver curato questa Mostra
proprio nel 2011, in un momento così critico per il mondo Arabo, e spero davvero di essere riuscita a creare la
giusta piattaforma affinché tutte le voci rappresentate possano essere ascoltate.”
Per la st ampa contat tare:
Italia: Mara Sartore, Lightbox, [email protected], +39 347 7850764
Elena Pardini, Lightbox, [email protected], +39 393 9635253
International: Klara M. Piza, [email protected], +41 76 516 49 24
Medio Oriente: Rania Kfoury, Image Nation, [email protected], +97 150 882 7732
SPONSOR
Comunicato Stampa, Aprile 2011
CURATRICE: LINA LAZAAR
Lina Lazaar è laureata in Statistica e in Storia dell’Arte. Attualmente lavora presso la Casa d’Aste Sotheby’s di
Londra come esperta d’Arte Moderna e Contemporanea. La sua passione per l’arte Araba e Iraniana ha portato a
Sotheby’s a tenere nel 2006 la prima asta Europea di opere d’arte di questi paesi nel 2006. Da quel momento in
poi ha curato le aste annuali e ha contibuito all’aumento dell’attenzione nei confronti degli artisti mediorientali. Lina
è anche editor associato del forum Ibraaz e membro del comitato per le acquisizioni del Medio Oriente e Nortd
Africa della Tate di Londra.
PRODUCTION PARTNER: EDGE OF ARABIA
Edge of Arabia è una società no profit, una piattaforma per l’arte contemporanea, mostra itinerante dedicata alla
promozione di artisti del Mondo Arabo con un’attenzione particolare all’Arabia Saudita. Fin dalla sua fondazione a
Londra nel 2008, Edge of Arabia ha portato in mostra artisti arabi a Riad, Berlino, Istanbul e Dubai, diventando un
progetto di rilievo internazionale. Dopo il successo della mostra dedicata all’Arabia Saudita durante la 53^ Biennale
d’Arte a Venezia, Edge of Arabia ha colto l’occaisone della 54t^ Biennale di Venezia per produrre la sua prima
mostra Pan-Arabica. www.edgeofarabia.com
FOUNDING PARTNER: ABDUL LATIF JAMEEL COMMUNITY INITIATIVES
ALJ Community Initiatives è stata fondata nel 2003 all’interno del gruppo ALJ come sezione operativa dedicata allo
sviluppo di programmi di utilità sociale. La sua rete globale sostiene e opera attraverso numerose iniziative di
successo e progetti socialmente utili. ALJ Community Initiatives ha sviluppato e promosso un portfolio di progetti e
soluzioni sostenibili applicabili globalmente, ha contribuito allo sviluppo socio-economico sviluppando programmi
sociali per i bisogni delle singole comunità, contribuendo alla diminuzione della disoccupazione e della povertà con
metodi e schemi nuovi e altamente innovativi. www.aljcsp.com
PRINCIPAL PATRON: ABRAAJ CAPITAL
Abraaj Capital è il più importante equity group privato nel Medio Oriente, Nord Africa e Sud Asiatico
(MENASA). Fin dalla sua creazione nel 2002, Abraaj Capital ha raccolto circa US$7 miliardi e ridistribuito quasi
US$ 3 miliardi ai suoi investitori. Abraaj Capital mette in pratica una strategia d’impegno su vasta scala dei suoi
investitori incidendo positivamente sul benessere economico, culturale e sociale in numerose nazioni, industrie e
settori. www.abraaj.com
Il Abraaj Capital Art Prize è stato fondato nel 2008 e quest’anno avrà luogo la IV edizione. Ogni anno premia gli
artisti del MENASA sulla base di un progetto piuttosto che di un’opera d’arte finita. L’obiettivo del premio è
quello di rappresentare la dedizione di Abraaj Capital nel rinforzare il potenziale nella regione, dando ad artisti di
talento un’opportunità di emergere, rappresentando la ricchezza della nuova scena artistica e culturale del
MENASA. www.abraajcapitalartprize.com
CATALOGUE PARTNER: Ibraaz
ITALY COMMUNICATIONS PARTNER: Lightbox // MEDIA PARTNER: Brownbook, Bidoun, Ikono TV
LOGISTICS PARTNER: Newerton // EXHIBITION PARTNER: Artnez // VENICE EXHIBITION PARTNER: RSC
Bucintoro