L’artista sceglie di riproporre in Ferramenta l’evoluzione dell’installazione You and Whose Army (Tu e l’armata di chi?) delicata e forte come l’omonima ballata dei Radiohead (album Amnesiac, 2001).

Informazioni

  • Luogo: SPAZIO FERRAMENTA
  • Indirizzo: Via Gian Francesco Bellezia 8g - Torino - Piemonte
  • Quando: dal 07/06/2011 - al 21/06/2011
  • Vernissage: 07/06/2011 ore 19 “Riproduzione Fonomeccanica” selezione musicale di Miss Fanella (Maura Banfo)
  • Autori: Corinna Gosmaro
  • Curatori: Susanna Sara Mandice
  • Generi: arte contemporanea, performance – happening, serata – evento, inaugurazione, personale
  • Biglietti: ingresso libero
  • Email: spazioferramenta@gmail.com

Comunicato stampa

Spazio Ferramenta inaugura Studio Visit: un nuovo format espositivo dedicato ai giovanissimi. Per due settimane Ferramenta viene “consegnata” a un artista emergente, selezionato dal comitato curatoriale. Di volta in volta, giovani talenti ancora sconosciuti verranno presentati al pubblico e avranno la possibilità di realizzare un proprio progetto di mostra.
Un programma che rappresenta una sfida tanto per i curatori quanto per gli artisti: i primi chiamati a selezionare le giovani proposte e a costruire con loro progetti ad hoc; i secondi invitati a sperimentarsi dal punto di vista professionale

Il progetto nasce dalla volontà di Spazio Ferramenta di offrire l’opportunità a studenti e artisti non ancora affermati di crescere e di farsi conoscere.

Primo appuntamento martedì 7 giugno per l’inaugurazione della mostra di Corinna Gosmaro (1987). L’artista sceglie di riproporre in Ferramenta l’evoluzione dell’installazione You and Whose Army (Tu e l’armata di chi?) delicata e forte come l’omonima ballata dei Radiohead (album Amnesiac, 2001).

L’installazione - già esposta nelle aule dell’Accademia Albertina di Torino - si modifica e cresce in un working progress che supera l’idea del trasporto dell’opera da una mostra ad un’altra e si avvicina all’archetipo degli interventi site-specific. Partendo dal precedente You and Whose Army, la Gosmaro genera un’installazione inedita utilizzando gli oggetti a lei cari (disegni su carta, maschere, oggetti comuni e edera) e quelli presenti nello spazio. L’identità dell’opera e l’identità di Ferramenta si mescolano in un’installazione complessa che, pur contenendole entrambe, le supera. L’artista gioca nello spazio, lo interpreta e lo riallestisce, disegnandone la nuova scenografia.

Nei disegni, ironici e delicati, un esercito di buffi personaggi che sembra prendersi beffe di noi, ci osserva mentre cerchiamo di comprendere i passaggi delle lunghe lettere, delle note a margine e degli scarabocchi dell’artista. Parole talvolta illeggibili, frasi criptiche, nuvole di sillabe e simboli non sempre decifrabili, scherzi anch’essi di una comunicazione spiritosa e non rivelata, convivono nell’istallazione. Ferramenta si trasforma in un agglomerato di iscrizioni che cela una ricerca intima, onirica; una narrazione personale leggiadra e sibillina; un flusso di coscienza che divaga e dilaga. I personaggi rappresentati nei disegni diventano allora ermetici messaggeri di pensieri, sussurrano riflessioni apparentemente illogiche, subconscie. L’illeggibilità delle parole e l’indefinibilità delle espressioni rendono l’installazione un luogo surreale, immaginifico, nel quale le emozioni, come nei sogni, non si esplicitano ma trovano spazio, tutte insieme, armonicamente diffuse e confuse. Con l’opera di Corinna Gosmaro, Ferramenta diventa una contemporanea Caverna di Platone, nella quale le ombre sogghignano e le parole volano. Il pubblico, prigioniero nella Caverna, ha bisogno di abituarsi all’interpretazione, di imparare a discernere, di conoscere lentamente la realtà che trapela dalla visione di un lavoro non univoco, al quale ognuno è invitato a dare una differente interpretazione. You and Whose Army risulta un percorso poetico, mentale, fresco ma non per questo ingenuo.

Per accompagnare la giovane artista in un battesimo espositivo importante, Spazio Ferramenta ha scelto una singolare madrina: Maura Banfo che per una sera smetterà i panni di artista già affermata e riconosciuta e sonorizzerà il vernissage della mostra. “Riproduzione Fonomeccanica” è il titolo della selezione musicale presentata da miss Fanella che renderà l’inaugurazione una piacevole occasione di festa per il pubblico di Ferramenta prima della pausa estiva. Come di consueto, in Ferramenta nulla è ciò che sembra: i ruoli si invertono, i professionisti giocano a divertirsi, i linguaggi si mescolano, l’inconsueto diventa la norma.






























Ferramenta
Situato in uno dei quartieri più dinamici di Torino, Ferramenta si è configurato da subito come uno spazio culturale vivace e frequentato. Si alternano mostre, reading, performance artistiche e teatrali accomunate da un unico obiettivo: realizzare proposte culturali di qualità coinvolgendo di volta in volta artisti di diversa provenienza. Si riempie, si svuota, si modifica per dar spazio a interventi site-specific, performance ed eventi di breve o lunga durata. Ferramenta è uno spazio underground, uno spazio insolito per appuntamenti insoliti, il luogo del dubbio e della discontinuità nel quale le certezze possono essere messe in discussione.

Past events:
• Teatro: Marta Cuscunà “È bello vivere liberi” riduzione teatrale + conversazione con Antonio Calliano
• Arte contemporanea: Silvia Giambrone “Fuori di me” mostra personale.
• Performance arte contemporanea + musica: Silvia Giambrone feat Reac TJ, Ramon Moro, Dario Bruna, Generoso Gene Urciuoli “Fuori di me”.
• Conversazione: Reac Tj, Ramon Moro, Alessandro Sciaraffa “Musica e arte contemporanea”.
• Conversazione: Alessandro Scali + Smart Collective “Dalla Nanoarte al progetto SMART Collective”.
• Spazio Ferramenta on the road: trasferta @The Hub Rovereto.
• Conversazione: Cartoline teatrali, Fabrizio Vespa, Stefano Tallia, Roberto Maria Clemente.
• Conversazione: Chiacchiere musicali, chiacchiere da cantautori. Luigi Ratclif intervista Evy Arnesano e Gianluca Mezzafemmina.