PP percorsi personali – Francesca Ghermandi

Arezzo - 08/09/2011 : 09/10/2011

Autrice e fumettista di altissimo livello, con pubblicazioni prestigiose realizzate in Italia e all’estero, Francesca Ghermandi dalla metà degli anni Ottanta, firma opere apprezzate sia dal pubblico che dalla critica per uno stile asciutto e sincero che sa farsi corrosivo e puntuale al tempo stesso.

Informazioni

Comunicato stampa

L’associazione MEGA+MEGA- centro d’arte contemporanea nell’ambito del progetto PP_ percorsi personali presenta la mostra personale e ultimo intervento del progetto formativo condotto da Francesca Ghermandi , realizzato per la prima volta nei suggestivi spazi della Biblioteca Comunale di Arezzo.
Autrice e fumettista di altissimo livello, con pubblicazioni prestigiose realizzate in Italia e all’estero, Francesca Ghermandi dalla metà degli anni Ottanta, firma opere apprezzate sia dal pubblico che dalla critica per uno stile asciutto e sincero che sa farsi corrosivo e puntuale al tempo stesso

Tra le pubblicazioni periodiche che l’hanno ospitato, si attestano Frigidaire, Comic Art, Linus, Mano, Strapazin, Nuova Ecologia, Marie Claire, Il Manifesto, Internazionale, mentre suo è il design per un POP swatch e
alcune copertine per Garzanti, Einaudi e Marco Tropea. Per Arezzo, l’artista realizza una mostra nella quale l’ironia sa farsi spietata e leggera al tempo stesso, costituita com’è da un tratto fluido e stilizzato che si concretizza in figure plastiche, sintetizzate da linee chiare e contorni netti, in grado di rendere evidenti il volume e la materia di cui sono composte.
Voluto dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Arezzo e dalla Regione Toscana, PP_percorsi personali è un progetto che punta ad incrementare il significato dell’arte contemporanea focalizzando l’attenzione sulla “ricerca”. Pertanto, il prezioso momento formativo costituito dal workshop da realizzare durante i tre giorni che posticipano l’inaugurazione, è un invito a ripercorrere il cammino ideativo dell’artista, dalla parola al segno e viceversa, in modo da incentivare il racconto personale tramite una forma d’arte troppo spesso emarginata dal mondo dell’Arte.
Le questioni che il workshop di Francesca Ghermandi affronterà saranno assai varie:
1 - la mescolanza di testo immagine in una situazione di totale libertà
2 – testo/immagine nella realizzazione di un fumetto per il quale il vincolo è la sua leggibilità.
3 – testo/immagine nella realizzazione di illustrazioni a commento di articoli (scientifici/di costume): ricerca di leggibilità e coerenza, a servizio di una notizia
4 – testo/immagine per la realizzazione di un libro illustrato per ragazzi: il pubblico dei bambini

Un workshop ed una mostra da non perdere con le tavole originali di libri di recentissima uscita come Cronache dalla palude, Pronto soccorso&Beauty Case e Un’estate a Tombstone. Una mostra densa di contenuti e d’immagini costruite al fine di dialogare con il pubblico in una modalità inedita. Il carattere anti neutrale di questi lavori convalida infatti – a nostro avviso - l’auspicabile missione di una mostra: quella di proporre opinioni e pensieri che, espressi tramite immagini, abbiano una prepotente capacità di illuminare i nostri percorsi personali.
Cenni biografici:
Francesca Ghermandi è nata a Bologna nel 1964. Ha esordito a metà degli anni ’80 con collaborazioni in Italia e all’estero con fumetti ed illustrazioni per diverse testate e case editrici, tra cui Frigidaire, Echo des Savanes, Il Manifesto, Comic art, L’unità, Linus, Internazionale, Einaudi, Edition du seuil, Editori riuniti, Sinsentido, Mondadori. Tra i suoi libri a fumetti: Hiawata pete (ristampato per Coconino press), Helter skelter (Phoenix),The Wipeout (Fantagraphics Books), Pasticca (Einaudi) e Grenuord (Coconino press). Ha pubblicato libri per bambini e ha realizzato la sigla animata della Biennale Cinema di Venezia 2006. Tra le ultime uscite ci sono il libro a fumetti Cronache dalla palude (coconino press) e le illustrazioni per il racconto di Stefano Benni, Pronto soccorso & Beauty case (Orecchio Acerbo)