Paolo Tait – Al muro al muro!

Villa Lagarina - 02/07/2011 : 07/08/2011

La mostra rende merito ad un particolare segmento della creatività di Paolo Tait – quello della realizzazione di manifesti d’autore e di cartelle di “rappresentanza”, attività avviata fin dai primi anni Ottanta – che testimonia la spiccata capacità dell’artista di leggere ed interpretare gli eventi del proprio tempo declinandoli, senza compromessi, con il suo originalissimo linguaggio.

Informazioni

  • Luogo: PALAZZO LIBERA
  • Indirizzo: Via Giuseppe Garibaldi 10 - Villa Lagarina - Trentino-Alto Adige
  • Quando: dal 02/07/2011 - al 07/08/2011
  • Vernissage: 02/07/2011 ore 19 Intervento di Maurizio Scudiero, critico d’arte
  • Autori: Paolo Tait
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: entrata libera, lunedì chiuso Ma-Me-Gi-Ve 14.00 - 18.00 Sa-Do 10.00 - 12.30 / 14.00 - 18.00
  • Patrocini: Regione Trentino Alto Adige Provincia Autonoma di Trento Comune di Villa Lagarina (Tn) FeCCRiT - Federazione dei Circoli Culturali e Ricreativi del Trentino IPSA Aggregati srl, Mezzolombardo
  • Catalogo: Ed. PUBLISTAMPA, collana Arte

Comunicato stampa

Con AL MURO, AL MURO!!, mostra dedicata all’artista trentino Paolo Tait, riprende il proprio percorso il progetto pluriennale ARTELibera. Palazzo Libera per l’Arte Contemporanea, promosso dal Comune di Villa Lagarina (TN), in collaborazione con la PROMART – Libera Associazione per la Promozione delle Arti, di Trento


L’esposizione, cui hanno assicurato il proprio patrocinio istituzionale, oltre al Comune di Villa Lagarina, la Regione Trentino Alto-Adige e la Provincia Autonoma di Trento, rende merito ad un particolare segmento della creatività di Paolo Tait – quello della realizzazione di manifesti d’autore e di cartelle di “rappresentanza”, attività avviata fin dai primi anni Ottanta – che testimonia la spiccata capacità dell’artista di leggere ed interpretare gli eventi del proprio tempo declinandoli, senza compromessi, con il suo originalissimo linguaggio.
Contrariamente a quanto di solito s’immagina relativamente al percorso che porta fino alla realizzazione di un manifesto, Tait – fatte salve rarissime eccezioni (una delle quali in mostra a Palazzo Libera) – nella stesura della sua idea di comunicazione attraverso l’affissione murale, non disperde la propria energia creativa filtrandola in una successione di bozzetti da affidare, per lo sviluppo dimensionale fino agli standard del manifesto, allo stampatore, ma coglie il senso delle aspettative del committente e, con l’immediatezza che lo contraddistingue, le traduce in opera d’arte (a tutti gli effetti intesa, pittorica o segnica che sia), pronta per accogliere armonicamente l’intervento del grafico ed essere trasposta in manifesto, in un rapporto 1:1, con esiti dei quali l’artista è partecipe ed insieme estraneo spettatore.
La mostra sarà accompagnata da un catalogo (Ed. Publistampa, Collana Arte) ricco delle immagini – realizzate da Nadia Baldo, affermata fotografa trentina non nuova alle collaborazioni con la PROMART – di tutte le opere esposte e di un saggio critico (italiano/inglese) firmato da Maurizio Scudiero. Il volume verrà presentato al pubblico il prossimo 19 luglio, al piano nobile di Palazzo Libera.
Per l’occasione il gruppo dei CALICANTO terrà un proprio concerto, nell’ambito del progetto Trentino Girofolk, curato della FeCCRiT (Federazione dei Circoli Culturali e Ricreativi del Trentino), partner della PROMART per la mostra di Paolo Tait.
Sostiene l’iniziativa la IPSA Aggregati srl di Mezzolombardo (http://www.ipsasrl.it/index.html).
………..

L'ARTISTA
Attraverso disegni, pitture, sculture, grafica, smalti e tappezzerie, Paolo Tait ha espresso istanze artistiche molteplici e complesse, nelle quali l’energia, il peso, la massa implosa del segno, sviluppano l’intensità dell’emozione che caratterizza tutta la sua opera.
L’artista, nato a Mezzolombardo (Trento) nel 1952, ha nutrito profondo interesse per la pittura fin dalla gioventù, educando la sua propensione creativa attraverso lo studio e l’osservazione di artisti quali Picasso, Picabia, Bacon, Permake, Sironi.
La sua personale creatività si è sviluppata seguendo l’amore per il disegno, accompagnato da un istintivo senso della materia, caratteristiche che lo collocano nella scia dell’informale, affatto commista di influenze provenienti dall’espressionismo astratto americano.
Tait attualmente vive e lavora a Mezzolombardo, continuando a produrre la sua arte con la libertà di una visione autonoma, originale e consapevole…
Pietro Bellasi, 2008