Miriam Pace – La memoria della sopravvivenza

Gibellina - 17/09/2011 : 02/10/2011

Nel suo lavoro le presenze fantomatiche, sindoni, lasciano presupporre possibili antiche resurrezioni o tracce di moderne fughe dall'incertezza contemporanea.

Informazioni

  • Luogo: FONDAZIONE ORESTIADI
  • Indirizzo: Baglio Di Stefano - Gibellina - Sicilia
  • Quando: dal 17/09/2011 - al 02/10/2011
  • Vernissage: 17/09/2011 ore 18
  • Autori: Miriam Pace
  • Curatori: Achille Bonito Oliva
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: mart-dom 9-13 - 15-18
  • Biglietti: ingresso libero

Comunicato stampa

Nell’ambito delle attività della Fondazione Orestiadi, Sabato 17 settembre 2011 alle ore 18.00 vernissage di presentazione delle opere di Miriam Pace e performance musicale di Michelangelo Jr. Negli anni ’90 Achille Bonito Oliva teorizzava l’arte terminale analizzando le opere di Michelangelo Junior e altri giovani artisti. Oggi il lavoro di Miriam Pace, artista di nuova generazione (1981), ne è la naturale conseguenza.

Nel suo lavoro le presenze fantomatiche, sindoni, lasciano presupporre possibili antiche resurrezioni o tracce di moderne fughe dall’incertezza contemporanea

Il progetto presentato da Achille Bonito Oliva è dedicato a Ludovico Corrao, eroico creatore della Fondazione Orestiadi, indica Gibellina come luogo simbolo della sopravvivenza alla catastrofe attraverso l’arte e territorio di nuovi intrecci culturali . Più che mai oggi, quando la terra di Sicilia incarna il sogno della nuova vita e della libertà, il primo approdo dopo rivoluzioni, forse estemporanee come i nomi di fiori che portano. E’ qui che si possono coniugare la pittura di Miriam Pace e l’arte Michelangelo Junior. I segni lasciati dal passaggio incontrano l’eco d’un cantastorie contemporaneo. Miriam Pace appartiene a una generazione di artisti che a fine secolo hanno assorbito gli stimoli culturali di un universo positivamente globale, in cui l'identità non è frutto tanto di una appartenenza territoriale, ma piuttosto di una collocazione in un luogo virtuale da cui è possibile muoversi per esplorare con le proprie forme una realtà visibile e strutturale insieme, in continuo movimento. Una dinamica delle cose, vita e morte insieme, che soltanto il movimento eccellente dell'arte può intercettare, permettendo l’esistenza e sopravvivenza. Perché, come afferma Michelangelo junior nella sua intensa performance musicale “La terra trema”. Profezia dell’arte che sceglie volontariamente il perenne esilio di una incompiutezza fertile per poter rimanere costante promessa di vita. (Achille Bonito Oliva)