Mauro Bellucci – Sacro e Profano

Roma - 13/07/2011 : 31/07/2011

In mostra saranno presentate undici tele di grande formato appartenenti a questo ultimo ciclo realizzato dall’artista, in cui le icone estrapolate dai cartelloni pubblicitari e dai mezzi di comunicazione di massa vanno a scontrarsi con i temi ecclesiali.

Informazioni

  • Luogo: MUSEO FONDAZIONE VENANZO CROCETTI
  • Indirizzo: Via Cassia 492 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 13/07/2011 - al 31/07/2011
  • Vernissage: 13/07/2011 ore 19
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: lun-giov 11-13 e 15-19; sab-dom 11-18
  • Email: rebecca.te@gmail.com
  • Patrocini: dall'Assessorato alla Cultura, Arte e Sport della Regione Lazio e dal Municipio XX di Roma.
  • Catalogo: Presentazione del libro Attraverso la finestra la luna di Antonella Polenta Seguirà cocktail

Comunicato stampa

Mercoledì 13 luglio, alle ore 19.00, il Museo Venanzo Crocetti di Roma ospita la mostra personale di Mauro Bellucci dal titolo Sacro e profano.



Come viene già espresso nel titolo della mostra, la ricerca artistica di Mauro Bellucci verte su due tematiche opposte che tuttavia riescono a condividere lo stesso spazio scenico, la stessa tela

Il sacro, con le storie del Nuovo Testamento, è un esplicito richiamo agli artisti medievali che catturarono nel vetro di chiese e cattedrali sparse in tutta Europa immagini agiografiche dai colori brillanti; accanto ad essi il profano, donne dagli atteggiamenti allusivamente erotici sono rappresentate in una scala di grigi che va dal bianco al nero. Lo spaesamento dello spettatore nella ricezione di queste immagini è totale, non solo per il cortocircuito che si crea tra colore e monocromo, ma anche e soprattutto per il fatto che, a ben guardare ciascuno di questi lavori, si scorge una sorta di “dialogo” tra i due soggetti rappresentati.



In mostra saranno presentate undici tele di grande formato appartenenti a questo ultimo ciclo realizzato dall’artista, in cui le icone estrapolate dai cartelloni pubblicitari e dai mezzi di comunicazione di massa vanno a scontrarsi con i temi ecclesiali. Entrambi gli argomenti sono però accomunati da un ironico paradosso, caratterizzato da tagli fotografici ed essenziali, liberi da qualsiasi tipo di azione o movimento che possa riallacciarli alla realtà. Ciò che ne rimane è fondamentalmente lo sguardo dello spettatore che tende a “cannibalizzare” il resto della scenografia. Con pochi suggerimenti e svincolato da qualsiasi condizionamento, il pubblico è invitato a cercare un trait d’union tra le donne-oggetto che ben rappresentano il degrado di una società alla deriva, e le storie sacre che fanno in qualche modo da contrappeso ad esse.



In occasione dell’evento verrà presentato, oltre al catalogo della mostra, il libro illustrato da Mauro Bellucci Attraverso la finestra la luna (Collana Le schegge d’oro, 2009) di Antonella Polenta, finalista del premio Prevert.

Durante l’inaugurazione si terrà la lettura di alcune delle poesie pubblicate nel libro, accompagnate da pezzi di musica classica eseguite con il violino.



Mauro Bellucci vive e lavora a Roma. Ha partecipato a numerose mostre personali e collettive tra le quali Umano poco umano a cura di Simona Cresci (galleria Arturarte, Nepi 2003); Prove Tecniche di Trasmissione a cura di Caterina Pasquali (Officina delle arti, Roma 2005); Prove Tecniche di Trasmissione II a cura di Giorgia Calò (Horti Lamiani Bettivò, Roma 2006);